Archivi del mese September, 2010

Generali Assicurazioni

Assicurazioni Generali è il maggior gruppo assicurativo in Italia, fondato a Trieste nel 1831. Il simbolo del Leone alato campeggia fuori dalla sede di piazza Duca degli Abruzzi, affacciata sul Mar Adriatico. Ha una buona vocazione internazionale (sta puntando molto su Cina e India) visto che vanta 521 compagnie integrate ed è presente in 68 paesi con 85mila dipendenti (quasi 16mila in Italia) e un parco di 70 milioni di clienti. Oltre a essere un grande gruppo, con un patrimonio da 16,7 miliardi e un valore di 27,3 miliardi (dati 2009), è anche il crocevia più importante della finanza italiana, uno snodo strategico dal quale passano alcune delle più influenti aziende (e famiglie) italiane.Questo anche grazie a partecipazioni incrociate e il potere consolidato degli uomini alla guida della società che permette alla compagnia triestina l’inserimento negli affari nazionali di maggiore rilevanza strategica.

Generali Assicurazioni logo

Generali Assicurazioni logo

L’azionariato è così composto:

  • Mediobanca (13,2%)
  • Banca d’Italia (4,6)
  • Blackrock (2,9)
  • De Agostini (2,6)
  • Effeti (2,2)
  • Kellner (2)
  • Caltagirone (2)
  • Del Vecchio (1,9)
  • Ferak (1,7)
  • Montepaschi (1,5)
  • Benetton (1)

All’inizio del 2010 l’assetto dell’Assicurazione è cambiato. Sulla spinta del maggiore azionista, la Merchant bank Mediobanca, si sono avvicendati alla presidenza il parigino Antoine Bernheim, storica guida del gruppo, e l’ex presidente di Mediobanca Cesare Geronzi, oggi a capo del Leone. Con il cambio di assetto – a maggior vocazione italiana – sono aumentati i poteri dell’amministratore delegato Giovanni Perissinotto, group ceo con incarichi “globali”, affiancato dall’altro ad, Sergio Balbinot. A fare da vicepresidente c’è l’imprenditore bretone, amico di Nicolas Sarkozy, Vincent Bollorè. In Europa le principali rivali di Generali sono la francese Axa e la tedesca Allianz.

Basilea III

Basilea III (a volte “Basilea 3“) si riferisce ad un nuovo aggiornamento per gli accordi di Basilea che è in fase di sviluppo. Il termine è apparso in libri accademici fin dal 2005 ed è ora di uso comune, anticipando questa prossima revisione degli Accordi di Basilea. The Bank for International Settlements (BIS) – cioè la la Banca per le regolamenti finanziarie internazionali- cominciò a riferirsi a questo nuovo quadro normativo internazionale per le banche come “Basilea III” nel settembre 2010.

eco_basel

Il progetto di normativa di Basilea III include:

  • “Definizioni più concrete sul ratio di capitale Tier 1; le banche devono detenere il 4,5% da gennaio 2015, quindi un ulteriore 2,5%, per un totale del 7%.
  • l’introduzione di un leverage ratio
  • una struttura di riserve di capitale anticicliche
  • misure per limitare il rischio di controparti di credito
  • Ratio di capitale il breve e medio termine

Professionisti e funzionari con esperienza in Basilea II ed il background necessario saranno fondamentali per guidare il nuovo accordo di Basilea III.

Banca centrale Giapponese

La Banca del Giappone (日本 银行 Nippon Ginko o BOJ,) è la banca centrale del Giappone. La Banca viene spesso chiamata Nichigin. Essa ha la sua sede a Chuo, Tokyo .Secondo il suo statuto, le missioni della Banca del Giappone sono

bank_of_japan

  • Emissione e gestione delle banconote
  • Attuazione della politica monetaria
  • Fornire servizi di liquidazione e di assicurare la stabilità del sistema finanziario
  • Tesoro e operazioni del governo in materia di securities
  • Attività internazionali
  • Raccolta di dati, analisi economiche e attività di ricerca

Lista di governatori

  • Shigetoshi Yoshihara (October 6, 1882 – December 19, 1887)
  • Tetsunosuke Tomita (February 21, 1888 – September 3, 1889)
  • Koichiro Kawada (September 3, 1889 – November 7, 1896)
  • Baron Yanosuke Iwasaki (November 11, 1896 – October 20, 1898)
  • Tatsuo Yamamoto (October 20, 1898 – October 19, 1903)
  • Baron Shigeyoshi Matsuo (October 20, 1903 – June 1, 1911)
  • Korekiyo Takahashi (June 1, 1911 – February 20, 1913)
  • Viscount Yataro Mishima (February 28, 1913 – March 7, 1919)
  • Junnosuke Inoue (March 13, 1919 – September 2, 1923)
  • Otohiko Ichiki (September 5, 1923 – May 10, 1927)
  • Junnosuke Inoue — second term (May 10, 1927 – June 1, 1928)
  • Hisaakira Hijikata (June 12, 1928 – June 4, 1935)
  • Eigo Fukai (June 4, 1935 – February 9, 1937)
  • Seihin Ikeda (February 9, 1937 – July 27, 1937)
  • Toyotaro Yuki (July 27, 1937 – March 18, 1944)
  • Viscount Keizo Shibusawa (March 18, 1944 – October 9, 1945)
  • Eikichi Araki (October 9, 1945 – June 1, 1946)
  • Hisato Ichimada (June 1, 1946 – December 10, 1954)
  • Eikichi Araki — second term (December 11, 1954 – November 30, 1956)
  • Masamichi Yamagiwa (November 30, 1956 – December 17, 1964)
  • Makoto Usami (December 17, 1964 – December 16, 1969)
  • Tadashi Sasaki (December 17, 1969 – December 16, 1974)
  • Teiichiro Morinaga (December 17, 1974 – December 16, 1979)
  • Haruo Maekawa (December 17, 1979 – December 16, 1984)
  • Satoshi Sumita (December 17, 1984 – December 16, 1989)
  • Yasushi Mieno (December 17, 1989 – December 16, 1994)
  • Yasuo Matsushita (December 17, 1994 – March 20, 1998)
  • Masaru Hayami (March 20, 1998 – March 19, 2003)
  • Toshihiko Fukui (March 20, 2003 – March 19, 2008)
  • Masaaki Shirakawa (March 20, 2008 – )

Ftse Mib, stime utili società quotate a Piazza Affari

Pubblichiamo il Consensus delle stime degli utili per le società quotate nel Ftse Mib.

file2956

CONSENSUS utili società FTSE Mib * stime al 30 aprile

Stime:                                    Stime al 31/12/10    Stime al 31/12/11

.                                                        EPS    DIV         EPS    DIV

A2A                                               0,11   0,10        0,12   0,10     PRX

Ansaldo STS                                0,95   0,33        1,05   0,36    PRX

Atlantia                                         1,39   0,78        1,45   0,84    PRX

Autogrill                                        0,47   0,15        0,57   0,25   PRX

Azimut Holding                          0,77   0,19        0,90   0,22   PRX

Banca Mps                                   0,07   0,02        0,12   0,04   PRX

Banca Pop Milano                      0,29   0,14        0,53   0,20   PRX

Banco Popolare                           0,43   0,08        0,66   0,18   REP

Bulgari                                           0,17   0,08        0,27   0,11   PRX

Buzzi Unicem                               0,62   0,20        0,95   0,25   PRX

Campari                                          0,54   0,12        0,59   0,12   PRX

Cir                                                    0,11   0,03        0,20   0,04   PRX

Enel                                                0,45   0,27        0,45   0,27   PRX

Eni                                                   1,83   1,00        2,16   1,03   PRX

Exor                                                 0,17   0,29        1,10   0,30   PRX

Fiat                                                  0,19   0,18        0,74   0,24   PRX

Finmeccanica                                1,18   0,43        1,29   0,45   PRX

Fondiaria-Sai                               0,96   0,56        1,55   0,70   PRX

Generali                                         1,48   0,55        1,66   0,61   PRX

Geox                                               0,26   0,17        0,31   0,19   PRX

Impregilo                                     0,15   0,04        0,25   0,06   PRX

Intesa Sanpaolo                         0,22   0,10        0,31   0,14   PRX

Italcementi                                  0,57   0,20        0,79   0,28   PRX

Lottomatica                                 0,80   0,67        0,79   0,67   REP

Luxottica                                     0,94   0,40        1,10   0,45   PRX

Mediaset                                     0,33   0,28        0,39   0,33   PRX

Mediobanca  (*)                       0,59   0,29        0,79   0,41   PRX

Mediolanum                              0,32   0,17        0,37   0,18   PRX

Parmalat                                    0,11   0,05        0,11   0,04   PRX

Pirelli & C.                                 0,03   0,01        0,04   0,02   PRX

Prysmian                                     1,15   0,37        1,36   0,40   PRX

Saipem                                         1,63   0,54        1,81   0,59   PRX

Snam Rete Gas                          0,28   0,21        0,29   0,22   PRX

Stm                                               0,55   0,18        0,79   0,22   PRX

Telecom Italia                           0,11   0,05        0,12   0,06   PRX

Tenaris                                              —     —          —     —     —

Terna                                          0,18   0,19        0,19   0,20   PRX

UBI Banca                                0,57   0,33        0,96   0,44   PRX

UniCredit                                  0,11   0,05        0,24   0,10   REP

Unipol                                     0,06   0,03        0,08   0,04   PRX

NOTA – Utili per azione e dividendo per azione sono espressi in euro. Il consensus sugli EPS è calcolato sulla base del dato che raccoglie il numero più alto di previsioni fra EBG (utile prima di ammortamenti e voci straordinarie) PRX (utile prima di voci straordinarie) REP(as reported)

(*) = Per Mediobanca i valori si riferiscono agli esercizi che chiudono al 30 giugno. Il consensus è basato su previsioni raccolte entro il 30 aprile 2010.

Forex tradind e cambio valute

Le riserve di valuta estera (chiamate anche riserve Forex o riserve FX dall’inglese Foreign Exchange Reserves) in senso stretto sono solo i depositi in valuta estera e titoli detenuti dalle banche centrali e autorità monetarie. Tuttavia, il termine in uso popolare include comunemente la valuta estera e la propria che ha in deposito la banca centrale; le materie prime come l’oro di cui dispone la banca centrale; le valute in circolazione o quelle che rimangono come fondo in altre banche centrali. Questa immagine del Forex è quella che comunemente viene usata da tutti gli operatori anche se sarebbe più esatto definirla come “riserve ufficiali internazionali” o “riserve internazionali”. Questi sono principalmente gli attivi di una banca centrale che detiene valore sotto la forma di riserve di valute differenti principalmente il dollaro statunitense, e in misura minore, l’euro, la sterlina inglese e lo yen giapponese. Le riserve vengo usate per coprire il passivo della e controllare il flusso dei tassi in nel caso di una economia chiusa o a influenzarlo nel caso di una aperta.

forex trading

forex trading

Bilancia commerciale

La bilancia commerciale (o il valore delle esportazioni nette, talora simboleggiata come NX) è la differenza tra il valore monetario delle esportazioni e delle importazioni di produzione in un’economia per un certo periodo. Basicamente si tratta del rapporto tra importazioni di una nazione e le esportazioni della stessa nazione verso l’estero.  È noto un saldo positivo nella bilancia commerciale sia favorevole al commercio visto che un avanzo commerciale o surplus vuol dire esportare più di quanto si importata; un saldo negativo o sfavorevole invece viene indicato come un disavanzo commerciale o , formalmente, un deficit commerciale. La bilancia commerciale si divide in beni e servizi.

export-import

I primi che raggiunsero la comprensione del funzionamento della bilancia commerciale furono le nazioni con le politiche economiche nascenti durante gli inizi della modernità. Una voce apparsa nel primo discorso del “Discourse of the Common Weal” regno d’Inghilterra, nel 1549 fu l’antecendete: “Dobbiamo sempre fare attenzione a non comprare dagli stranieri più di quanto non vendiamo a loro visto che questo ci impoverisce e  serve ad arricchire loro.”

Federal Reserve USA

Il Federal Reserve System (conosciuto anche come la Federal Reserve, e informalmente come la Fed) è il sistema di banche centrali degli Stati Uniti. Venne creata nel 1913 con l’emanazione del Federal Reserve Act, e fu in gran parte una risposta a una serie di scene di panico finanziario, in particolare la grave crisi del 1907. Nel corso degli anni, i ruoli e le responsabilità del Federal Reserve System si sono ampliati e la sua struttura si è evoluta. Eventi come la Grande Depressione sono stati principali fattori che determinano cambiamenti del sistema. I suoi compiti oggi, secondo la documentazione ufficiale della Federal Reserve, sono condurre la politica monetaria della nazione, controllare e regolamentare le istituzioni bancarie, mantenere la stabilità del sistema finanziario e di fornire servizi finanziari a enti di deposito, il governo degli Stati Uniti, e le istituzioni estere ufficiali.

federal-reserve

Come investire: il bene rifugio

Un bene rifugio è un bene il cui prezzo non viene colpito dalle crisi economiche. L’oro è un bene rifugio perché il valore reale dell’oro non subirà mai, nel lungo termine, una devalutazione tale da far perdere neanche un soldo agl’investitori. Il bene rifugio nel fondo e una riconosciuta strategia di conservazione del capitale tramite lo scambio di liquidità nel momento attuale con una valuta o una forma di denaro o di moneta; o una merce come l’oro; o un investimento in materie prime, pietre preziose o oggetti da collezione. I beni rifugio devono agire come riserva di valore, e per questo devono essere in grado di essere recuperate in un secondo momento, con prevedibilmente anche se basso margine di guadagno. La qualità di bene rifugio viene tradizionalmente assegnata all’aggregato monetario basico: La moneta (che all’epoca costituiva un bene non volatile). Tuttavia questo rifugio ha perso valore dal momento i cui i mercati si sono liberalizzati e la globalizzazione ha portato le monete sul mercato finanziario generando il meraviglioso mondo del forex come lo conosciamo oggi. Questa evoluzione era inevitabile visto che la moneta, colpita dall’inflazione, non può essere un bene rifugio nel lungo termine. Quali sono i valori che ancora conservano la caratteristica di conservare il valore nel tempo?

safeBoxes.268143911_std

Immobili

La terra o l’immobile è da sempre un valore che non svaluta con il tempo. Purtroppo oggi la speculazione sul mercato immobiliare ha portato i prezzi delle case alla stessa fluttuazione di un altro valore finanziario qualsiasi. Meglio non fidarsi degl’immobili come bene rifugio nel momento attuale. Resta da dire però che il mercato immobiliare ha sofferto la prova della speculazione legata ai prestiti e mutui spazzatura. Questo ha deformato il valore di un bene che tornerà ad essere rifugio con il tempo. Chi compra un immobile oggi non dovrebbe perdere soldi in 10 anni.

Oro

Anche se il prezzo dell’oro subisce fortissimi movimenti nel breve termine (quando vien scambiato nei mercati finanziari come ETF) questi movimenti non colpiscono la percezione che ha la gente dell’oro come bene rifugio. Il valore del metallo giallo è destinato a salire nel lungo termine.

Argento

Meno popolare che l’oro e perennemente condannato al secondo posto l’argento offre senz’altro possibilità di conservare un investimento nel lungo termine.

Pietre preziose e altri metalli preziosi

Il mercato delle pietre preziose regola i prezzi in completa autonomia e con molta stabilità da quando il commercio di questi valori ha avuto inizio secoli fa. Oggi, chi compra un diamante sa che conserverà il valore nel tempo, e che il reddito di questo investimento non potrà venirgli sottratto da nessuno. A meno certo che si tratti di un diamante insanguinato o pietre fuori dal commercio legale. La perdita del capitale investito in tali casi è garantita dalla legge.

Oggetti da collezione

L’arte non ha prezzo. Chiedetelo se no ai grandi collezionisti. Quella che a noi potrebbe sembrare un’eccentricità (come la collezione di francobolli)  per chi di collezionismo e arte se ne intende è un investimento di lungo termine. Caso pratico: il vaticano.

Ftse Mib all share

Il Ftse Mib all share comprende al suo interno circa il 95% del mercato azionario nazionale, e rappresenta un indice molto completo, l’ideale per chi vuole avere il “polso” della situazione. Lo Ftse Mib all share comprende al suo interno Ftse Mib , Mid Cap , Small Cap e Ftse Italia Micro Cap. Tutte le principali società per liquidità sono racchiuse in questa preziosa lista. È lo strumento ideale per i periodi di ripresa come quello che stiamo tiepidamente attraversando (o forse si potrebbe definire meglio come pre-ripresa o ancora come pseudo-ripresa).

In periodi come quello attuale sapere le linee di tendenza e riuscire a prevedere l’andamento del mercato azionario può fare la differenza, poiché ancora le borse sono in via di stabilizzazione, e un completo accesso a tutti i dati può permetterci di prevedere crisi finanziarie incipienti o recrudescenze dei mesi passati. Di fatto il nuovo indice, che prende il posto del vecchio Mibtel, Mib30, S&P Mib ecc ecc.

Piazza degli Affari, Milano

Piazza degli Affari, Milano

Si ispira al meccanismo del londinese Financial Times Stock Exchange (per l’appunto Ftse, che nella sua variante All Share londinese comprende circa 600 delle 2000 società dello Stock Exchange e circa il 98% del mercato azionario britannico). Nella variante italiana invece si è voluto puntare soprattutto all’introduzione di norme per aumentare il livello di sicurezza e controllo delle imprese quotate, soprattutto per quanto riguarda la liquidità. E’ infatti fondamentale tutelare anche il più piccolo investitore per non scatenare improvvise e disastrose crisi di panico come quelle generatesi qualche mese fa dal crollo dei famigerati “castelli di carta” finanziari.

La crisi

La crisi è stata parola dell’anno 2009 votata unanimemente per essere l’onnipresente diagnosi di ogni male: “la crisi”. E’ stato licenziato un genitore di un amico? “la crisi!”, non si trova lavoro dopo una laurea terminata perfettamente in corso con il massimo dei voti in ingegneria elettronica? “ah la crisi!”, ma anche argomenti più gratuiti, come: “il tasso di criminalità è in crescita!” “certo, con la crisi!”, oppure “non studierò all’università, tanto con la crisi non avrò lavoro” o simili profondissime riflessioni.

Cortoon from http://hometownboy.files.wordpress.com/2009/02/financial-crisis.jpg

La crisi finanziaria

Insomma, si può pacificamente affermare che a fianco al drammatico scenario di persone che hanno perso il lavoro dopo una vita di sacrifici e risparmi, spesso indebitandosi, per colpa di un manipolo di speculatori e squali di borsa, esiste anche un fenomeno di auto-indulgenza per cui tutto è permesso, tutto è lecito, tutto è accettabile perché siamo in crisi.

Una soluzione spesso di comodo, e penso in questo caso ai politici (che mi piace vedere come dei dipendenti statali, dei semplici funzionari ed impiegati, seppure ultrapagati da noi contribuenti) che senza ritegno affermano che è normale vedere sprofondare l’economia di un paese in una nera recessione senza fare sostanzialmente alcunché per il semplice motivo che “c’è crisi. E anzi, spesso nel resto d’Europa stanno peggio di noi.” Come se il pensiero che al di fuori dei nostri confini la gente stia ancora peggio di noi al posto che farci infuriare ancora di più dovesse in qualche modo tranquillizzarci, e riflettere su quanto si è fortunati a perdere tutto in un paese che comunque “sta meglio degli altri”. Ennesimo esempio di bieco e cinico egoismo. Insomma, se la parola del 2009 è stata senza dubbio “crisi”, in questo 2010 vorrei che la parola più usata fosse “ripresa”, o meglio ancora “ottimismo”.

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti: