Archivi del mese October, 2012

L’Unione europea fa ricapitalizzazione diretta delle banche entro il 2014

Berlino e Parigi non sono d’accordo, ma la Germania prende il sopravvento. Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese François Hollande , apertamente si sono scontrati ieri sera a Bruxelles il legame vigilanza unica banca e la Banca centrale europea (BCE), che può avere effetti diretti sulla ricapitalizzazione diretta delle banche spagnole . Francia ha difeso le posizioni che favoriscono la Spagna, la Germania ei suoi alleati stanno spingendo nelle settimane opposte. Ha vinto il Cancelliere: l’Unione europea ha stabilito un calendario che, in pratica ritarda solo l’effettiva vigilanza e quindi ricapitalizzazione diretta delle banche per quanto riguarda le date originariamente previsto, ma forse più tardi ottiene una contropartita Spagna . I dettagli tecnici (essenziale per la Spagna) “sarà deciso l’Eurogruppo,” la riunione dei ministri dell’Economia e delle Finanze della zona euro, ha detto il presidente del Consiglio, Herman Van Rompuy. Per ci sono lunghi coltelli. Questa è una cattiva notizia per il governo di Rajoy. Ma in considerazione della posizione di partenza della Germania non sembra un cattivo affare: banca sindacato continua, con scadenze realistiche, anche se l’accelerazione viene scartato voleva Parigi per dare una spinta ai paesi più bisogno. Silver: per Madrid, la ricapitalizzazione delle banche direttamente dal meccanismo di salvataggio europeo è complicato.

Tale possibilità arriverà troppo tardi per gli interessi spagnoli. Ma almeno la banca sindacato continua: che Hollande è stato quello di dire che il peggio “è passato”, ha ricordato con un trionfalismo quello del suo predecessore, Nicolas Sarkozy . Inoltre, in linea di principio Spagna assumerà asset tossici depositati in banca male, anche se il vertice del giugno scorso è andato esattamente il contrario: che il meccanismo di salvataggio europeo avrebbe mangiato questi legacy asset di lasciare il contatore problemi bancari zero e evitare di Spagna finito in dubbio gli investitori per la loro conversione in debito. Questo è esattamente ciò che si dovrebbe essere discussa nella Eurogruppo: fonti spagnole dicono che il meccanismo di salvataggio europeo potrebbe assumere una parte del salvataggio. Ma questa possibilità è incerto. Dipende dal potere contrattuale per imporre Berlino ei suoi alleati. The Twenty accettato di completare il lavoro legale per un supervisore unico bancario entro la fine dell’anno, e mettere un tale meccanismo (che è la BCE) “oltre il 2013.” Ciò significa lasciare la ricapitalizzazione diretta delle banche da parte del meccanismo di salvataggio europeo per il 2014 la Germania ha cercato come Mario Draghi ha chiesto a Tokyo pochi giorni fa. Sia la Commissione europea e la BCE aveva già avanzate posizioni tedesche stavano guadagnando terreno, anche se i rappresentanti del governo francese sono rimasti fino ad oggi che l’Europa dovrebbe rispettare lo “spirito e la lettera” di ciò che era stato concordato al vertice di lo scorso giugno.

Scontri ad Atene tra polizia-manifestanti, per la visita della Merkel

La breve visita in Grecia dal cancelliere tedesco Angela Merkel ha scatenato proteste di massa nella capitale, ma il suo incontro con il primo ministro greco Antonis Samaras ha alleggerito le tensioni tra i loro paesi. Merkel ha insistito sul fatto che “c’è ancora molto da fare” e la necessità di attendere la relazione ai creditori sullo stato di avanzamento delle riforme greche, ma ha espresso il desiderio che “la Grecia rimane nella zona euro.” Certificato Cancelliere che “non vi è venuto un gran parte della strada” per la ripresa economica e ha annunciato l’inizio di “un progetto per migliorare il sistema sanitario e uno per la modernizzazione delle pubbliche amministrazioni”, finanziato dalla Germania con un totale di 30.000.000 €. Una benda enorme per sanguinamento bilancio greco. Accettando che Atene è stata la scena del suo incontro con Samaras insistendo sul fatto che entrambi i paesi ci sono “partner, amici” e “alleati nella NATO,” Merkel invia un segnale per i Greci, ma soprattutto gli elettori tedeschi preelection riscaldamento pieno 2013.

Il governo tedesco vuole restare in Grecia l’euro, il che significa mettere più soldi e si adattano più critiche dai titoli dei giornali di destra e di più negativo per gli aiuti multimilionari ai partner europei. Com’era prevedibile, il viaggio innescato una valanga di proteste e insulti riscaldati in Grecia, che ha contribuito a trasmettere un messaggio doppio Merkel al pubblico tedesco: in primo luogo, la sua volontà di rischiare di tenere i suoi diciassette membri della zona euro. In secondo luogo, lei non è un tecnocrate freddo e divorziato dalla realtà e ha accusato i democratici di opposizione sociale, ma vuole toccare con mano i problemi greci sociali. In questo senso, il primo ministro greco Samaras avventurato che la visita si aprirà una “nuova pagina” nelle relazioni tra i due paesi. Merkel è stato ricevuto con tutti gli onori speciali a Atene. Samaras andato all’aeroporto per incontrare il suo, un gesto di ospitalità che vale solo per le visite a Berlino di particolare rilevanza come un papa. Merkel aveva visitato Atene da quando divenne cancelliere nel 2005, ma non dall’inizio della crisi due anni e mezzo fa. Ha detto che il ministro conservatore, ha vinto le elezioni del giugno scorso che la Grecia “non chiedere più soldi o concessioni speciali.” La cosa importante, ha detto, è che il suo Paese di recuperare “dopo tutti questi sacrifici.” Mentre infuriava proteste di piazza contro la visita, Samaras ha detto che “il nemico è la recessione” e il Cancelliere tedesco che ha riferito di aver ricevuto “come un amico del paese”. Tuttavia, Samaras non poteva chiaramente rispondere alla domanda se aveva “ottenuto una garanzia che la Grecia resterà nell’euro”. Ho posto la questione di un manager populista giornale Bild , promotore di una campagna estenuante contro tabloid la Grecia che si estende dall’inizio della crisi del debito greco. Mentre Merkel e Samaras ha parlato ad Atene, il commissario europeo per gli affari economici Olli Rehn ha sottolineato il Martedì che la Grecia potrebbe presto ricevere più di 31.000 milioni di euro di soccorso eccezionale. Sarà “nel mese di novembre al più tardi.” Non conosciamo ancora il contenuto esatto del rapporto dei creditori e la troika creditore (Banca centrale europea (BCE) e del Fondo monetario internazionale) non era riuscito finora a Grecia sarebbe chiarire se questa nuova sezione aiuto, e avrebbe dovuto essere pagato in estate.

Venezuela e società

Milioni di venezuelani eletto alle urne questa Domenica il presidente a governare il paese tra il 2013 e il 2019, ma il duello tra il comandante Hugo Chavez , che aspira a rielezione, e Henrique Capriles , il leader dell’opposizione, è un’altra cosa: affrontare due progetti politici opposti: l’egemonia del caudillo populista o il recupero della democrazia liberale. Considerati indagini più affidabili dare un disegno tecnico e il risultato sarà noto nella notte venezuelana (mattina in Spagna), è imprevedibile dopo mesi di una campagna caratterizzata da straordinaria polarizzazione politica. Il comandante presidente, in una interpretazione molto libera di legge elettorale che impone rigoroso silenzio prima delle elezioni, ha offerto Domenica pomeriggio in una conferenza stampa presso il palazzo del governo di Miraflores. Al limite della legalità o al di là di esso, secondo l’opposizione, Chavez schierato per un’ora esaltando la sua simpatia personale per il lavoro del governo, il suo fervore per i poveri, i meriti del suo anti-imperialismo e la loro fiducia nel sistema elettorale. “Dobbiamo ascoltare la voce del popolo”, ha detto, convinto che oggi “la Repubblica Bolivariana vincere”. I seggi aperti alle sei del pomeriggio ora locale (12.30 in Spagna continentale), come da programma.

Ci sono state code in alcuni seggi. Quasi 19 milioni di elettori sono chiamati alle urne. La partecipazione, che si prevede di alta prestazioni, l’opposizione, per la prima volta presentati insieme sotto il manto della Tavola dell’Unità Democratica (MUD), una sorta di Concertación cilena quali gruppi da destra a partiti di centro affiliati Internazionale Socialista. C’è anche un giovane leader con l’identità popolare. Capriles è stata la grande sorpresa di questa campagna elettorale e ha conquistato l’iniziativa contro il Chavez con un discorso incentrato sulla necessità di un governo efficace, preoccupato per le esigenze delle persone e non da fantasie ideologiche. Capriles, noto come il magro , politico cattolico intrisa di una missione e di un ex governatore dello Stato di Miranda, è diventata una questione di settimane in un formidabile avversario di Chávez con la sua enfasi sul deterioramento dei servizi pubblici che impediscano lo scambio di colpi con il presidente. Venezuela è venuto a radunare e battere la corsa trasformata in una battaglia di democrazia e di cittadinanza Davide contro il Golia dello stato chavista e l’abuso delle risorse pubbliche. Inoltre è riuscito a prendere le distanze dai vecchi politici della Quarta Repubblica, l’élite la cui corruzione ha determinato l’arrivo di Chavez. L’ex colonnello dei paracadutisti tenente ha vissuto la sua campagna più difficile, impoverito dal cancro che è stato diagnosticato nel mese di giugno 2011. La sua salute non solo ha limitato le sue manifestazioni -12 in meno rispetto al 2006 – ma ha aggiunto un livello di incertezza per la sua campagna se vince le elezioni, che governerà effettivamente peggiora o muore? Tuttavia, Chavez mantiene un magnete straordinaria popolare e il sostegno della prestazione economicamente più debole sezioni da piani di riduzione della povertà, i mercati popolari e sussidi. Alcuni di questi progetti sono caduti ben al di sotto dei suoi obiettivi, ma Chavez ha promesso di correggere i loro “errori” se si raggiunge un nuovo mandato.

La sinistra italiana: Monti si vuole presentare alle urne

La questione suscita passioni in Italia: Mario Monti può continuare come capo del governo senza apparire anche alle prossime elezioni? Ogni minuto è finita e, soprattutto, più potenti che sono a favore del “Monti bis”, ma anche iniziare a parlare oppositori della politica, se non la democrazia, rimane parcheggiato a tempo indeterminato. Pier Luigi Bersani, segretario del Partito Democratico (PD)-centro sinistra – mostra clamoroso: “La politica deve riprendere il suo ruolo e tornare ad essere credibile. Non ci sono scorciatoie di più. ” La controversia sorta t lavare una dichiarazione fatta pochi giorni fa a New York da Monti. Dopo aver ripetuto da attivo e passivo negli ultimi mesi che la data di scadenza del mandato sarebbero le prossime elezioni, l’attuale governo allenatore improvvisamente introdotto un importante avvertimento: “Io presenterà alle elezioni, ma se dopo queste elezioni daranno una circostanza in cui credo possa essere di aiuto, io ci sarò. ” I suoi sostenitori dentro e fuori d’Italia, ha visto il cielo aperto.

Sono stati lanciati in una corsa da mettere a disposizione a Monti. In Italia tutto è finito sapere. Abbiamo bisogno, però, che nel giro di due o tre decenni da quando gli eventi si sono verificati e, soprattutto, che il principale accusato è morto, non solo politicamente. Così ora noi li raccontano la vera storia del ritorno della CaymanDa cardinale Angelo Bagnasco, capo della Conferenza Episcopale Italiana (CEI), i presidenti della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, o di Fiat, John Elkann, senza il piacere con cui vedono la continuità del maestro a Berlino, Washington o Bruxelles. Montezemolo, sempre pronto a fare il salto alla politica, ha sin dalla sua costituzione, Italia Futura, disponibile Monti: “Dobbiamo legittimare il voto di milioni di italiani aprono una fase di ricostruzione nazionale, che sarà lungo e difficile “. Anche John Elkann, nipote di Giovanni Agnelli, ritiene che l’insegnante deve essere in anticipo: “. Italia è sempre in vantaggio grazie al lavoro di Mario Monti” Il problema è che Monti sembra essere chiaro che non entra in battaglia elettorale contro i giochi, anche contro i loro interessi, le loro riforme hanno votato al Congresso e al Senato. Sia il Popolo della Libertà (Pdl) di Silvio Berlusconi come il Partito Democratico (PD), Pier Luigi Bersani d’accordo che il modo migliore per raggiungere il governo rimane il voto. Infatti, se qualcuno ha sostenuto il governo tecnocrate Mario Monti, nel duro e sottile, a volte la critica ricevendo dura dalle loro basi, è stato Bersani. Quindi, con una certa irritazione, il leader della sinistra ha ricordato di Domenica: “Io ci volevo Monti. Hai intenzione di dirmi quanto è buono? Ma basta con i tasti di scelta rapida “. Le elezioni si terranno la prossima primavera in Italia. Può darsi il caso che milioni di cittadini votare per un presidente che non appare negli elenchi. Dopo aver contato vedrà se la politica italiana è ora in grado di camminare da soli o devono ricostruire su Mario Monti senatore a vita.

I tagli occupazionali affondare il livello più basso degli ultimi nove anni (2°parte)

La grave crisi del mercato del lavoro atraveisa ha anche aumentato il numero di persone coinvolte nei servizi pubblici per l’impiego, che è aumentato di nuovo nel mese di settembre, con oltre 79.645 nuovi disoccupati, a 4,7 milioni di persone. La stragrande maggioranza di questi nuovi disoccupati si sono iscritti nel settore dei servizi, che di fatto un aumento superiore al totale di 85.713 disoccupati in settembre dal loro peggiore delle serie storiche nel 1997 inizia. Esso comprende i dipendenti del governo, sanità e istruzione. Tuttavia, la diminuzione del numero di iscritti nel settore agricolo in cui la disoccupazione a basso contenuto di 2633 persone, e nel settore delle costruzioni, che vede ridurre il totale delle 9.687 persone hanno partecipato i servizi pubblici per l’impiego, l’equilibrio del trucco tutto. Tuttavia, come il mattone, è da notare che, nonostante il calo della disoccupazione registrato non migliora l’adesione, che cade in realtà su 11.923 persone. Questa contraddizione dimostra che questi lavoratori scegliere a che fare con forma irregolare, con la stanchezza di cercare e non trovare un lavoro e dopo aver esaurito le prestazioni sono desapuntan di INEM vecchi elenchi. Guardando indietro, il settembre di quest’anno è il record peggiore quarto di questo mese della serie che ha avuto inizio nel 1996, a seguito del settembre 2008 (95.367 disoccupati in più), settembre 2009 (oltre 80.367) e settembre del 2011 (95.817 disoccupati in più). A questo proposito, il Segretario di Stato per l’occupazione, Engracia Hidalgo, ha sottolineato che l’aumento nel mese di settembre, ma non può essere considerato “positivo” è “significativamente inferiore” a quello registrato un anno fa, che già “infilate quattro mesi in cui la disoccupazione era molto meno che nel 2011. ” Assumere, nel frattempo, è diminuito del 10,9% rispetto a settembre 2011 la riforma del lavoro, nonostante la firma di 1.241.191 contratti. Di questi, 98.002 erano permanenti (7,9%), un valore inferiore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (con un calo del 6,4%.). Contratti di carattere formativo sono stati 10.015. Dei 1.133.174 temporanea altro, un 29,04% erano in lavoro e di servizio e un potenziale di 22.94% per condizioni di produzione. Nei primi nove mesi dell’anno, assunzione sono diminuiti del 5,8% rispetto allo stesso periodo del 2011, a 10131548 contratti. Di questi, solo il 7,67% erano permanenti, con un totale di 777.548 contratti a tempo indeterminato, il 9,9% in meno rispetto al periodo gennaio-settembre dello scorso anno. In termini di assunzioni , nei contratti di settembre sono stati formalizzati 140.093, 38.947 in più rispetto al mese precedente (38,51%). In termini annuali, hanno firmato contratti, ma 28.904 in meno rispetto al settembre 2011, un 17,10% in meno. Tra i contratti, solo 15,18% del totale (21.279) 118.814 erano permanenti e temporanei.

Nella comunità alla fine del mese di settembre è stato 2.718.725 membri della previdenza sociale , che rappresentano un aumento mensile di 12 883 persone, o 0,48%, mentre c’è stato un anno in calo anno di 57.795 membri, meno 2,08% allo stesso mese del 2011. Questi dati detiene il governo regionale , mettendo in evidenza la crescita dei membri di previdenza sociale, che “contrasta con la perdita di 86.174 membri in Spagna.” “Il tasso di stabilità nelle procedure di assunzione sono stati firmati a Madrid per il 21,7% di tutti i contratti stipulati a tempo indeterminato in Spagna è la più alta in Spagna, sette punti in più rispetto alla media nazionale,” l’esecutivo regionale in una nota . Chi l’aumento della disoccupazione, dice che è stato “meno rispetto allo scorso anno” e che “solo uno su nove nuovi disoccupati nel mese di settembre in Spagna viene da Madrid”. Nel frattempo, CC OO Madrid dice che i giovani sono “più colpiti” da un aumento della disoccupazione: 4886 hanno aderito allo sciopero, con un incremento del 10,8%, oltre la metà dell’aumento totale per il mese, con che ci sono già 50.262 a Madrid sotto i 25 anni disoccupati. Il sindacato lamenta che il governo regionale ha “abdicato alle loro responsabilità nei confronti del lavoro e dei disoccupati, relegandolo alla coda delle sue priorità ed eliminando fondi per la formazione” e quindi chiedere il nuovo presidente “una svolta a questa politica.”

I tagli occupazionali affondare il livello più basso degli ultimi nove anni

Tagli ai servizi pubblici e la snip del personale di governo e Professione Sanitaria hanno affondato al livello più basso in nove anni. Secondo i dati che sono stati rilasciati questa mattina da parte del Ministero del Lavoro, l’adesione della sicurezza sociale è diminuito di 86.174 persone nel peggiore dei casi di settembre dal 2008. A seguito di questo declino, totale iscritti nel sistema scende 16.809.803 persone, una cifra che non si vedeva da aprile 2004. Mentre Settembre è di solito un mese tradizionalmente negativo per l’occupazione dopo la fine della stagione turistica e la perdita di posti di lavoro nel settore alberghiero e del commercio, in questo 2012, la situazione è stata aggravata dalla partenza del generale di sicurezza sociale 42384 persone fino ad ora ha lavorato al servizio delle regioni, dello Stato autonome o comuni o di servizi sociali e sanitari, direttamente interessati dalle forbici della spesa pubblica. Rappresenta, quindi, quasi la metà del taglio appartenenza nel mese di settembre. Secondo fonti sindacali riferito, questi due settori, insieme con l’educazione, fornire un saldo netto negativo di meno di 220.472 lavoratori alla fine del 2011.

Il governo, nonostante la situazione del lavoro peggioramento del mercato, ha tentato di sostenere che la caduta è essere vicino a un fondo. Come affermato dal Segretario di Stato per la sicurezza sociale, Tomás Burgos, “sono dati che guidano la ripresa.” “La tendenza degli ultimi anni”, ha assicurato. Per quanto riguarda l’istruzione, altri settori che hanno visto il loro taglio dei fondi, l’aumento dei membri è spesso causato dal ritorno a scuola è inferiore rispetto agli anni precedenti. In particolare, è aumentata l’occupazione in 29.535 nuovi iscritti sotto il generale. Nel 2011, senza andare oltre, è aumentato di oltre 37.300. Se il calcolo viene effettuato a partire dalla fine dello scorso anno, sta tagliando 132.713 membri dal mese di aprile. Inoltre, l’assunzione di sepiembre non basta a prevenire questo settore assumerà il terzo con una maggiore perdita di affiliati finora quest’anno dietro i settori edile e minerario. Chi l’occupazione asso sofferenza in materia di istruzione, Segretario di Stato per la sicurezza sociale ha spiegato che l’attività di questi lavoratori “dovrebbe avere un più stabile”. “Ci sono poche giustificazioni per diversi mesi durante tutto l’anno, con il calo significativo dei membri. Ha a che fare con la configurazione corrente, che ti fa perdere un sacco di attività in alcuni mesi dell’anno”, ha aggiunto Burgos. Per risolvere la situazione, il segretario di Stato ha chiesto di “trovare il modo di mantenere attivo questo personale, in misura maggiore rispetto al passato.” Il deterioramento che raccolgono le statistiche di sicurezza sociale, corrisponde al saldo dell’ultima visita sulle forze di lavoro ha pubblicato per il secondo trimestre. Questa indagine, considerato il miglior barometro della situazione occupazionale in quanto copre tutti i lavoratori, ha concluso che alla fine di giugno, il numero degli occupati è il più basso dall’inizio del 2003 con 17,4 milioni. Aspettiamo al 26 ottobre per imparare quello che è stata l’evoluzione del terzo trimestre, ma dopo due mesi il calo delle iscrizioni, prevedere una inversione di tendenza nella distruzione di posti di lavoro.

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti: