Banche Centrali. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Banche Centrali’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Banche Centrali. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Metà della riorganizzazione delle grandi banche è un aggiustamento contabile semplice

843

Capitale surplus cuscino di capitale. Disposizioni generiche ai beni indennità. Circa la metà delle strutture igienico-sanitarie di 50.000 milioni di euro annunciato dal governo per affrontare la perdita di valore del patrimonio immobiliare è composto da un semplice cambiamento di nome. Nessuno dei sette entità che ha rilasciato ieri l’impatto delle nuove normative sui loro bilanci sarà creare buffer di capitale più elevati per coprire il rischio del patrimonio immobiliare. E molti di loro utilizzerà le disposizioni generali esistenti per soddisfare le nuove esigenze. Nessuna di queste riclassificazioni è un ulteriore consolidamento delle entità. Le grandi banche, ad eccezione dei beni più contaminati immobiliari (BFA-Bankia) ha pubblicato ieri il loro impatto sui conti dei nuovi regolamenti. Santander, BBVA, La Caixa, Popular, Sabadell, Bankinter Unicaja e la necessità di coprire i 13.000 milioni di euro in riserve e 6.500 milioni nel cuscino di capitale. L’19.500 milioni di queste considerazione cinque stati il 39% dei 50.000 che ha crittografato il governo nel risanamento nuova. Ma scendere nei dettagli, più della metà di quella igienico-sanitarie è una riclassificazione delle voci che in sé non rafforzerà il bilancio, come risulta dalle osservazioni degli enti.gal_4634 Questo è, ad esempio, con i 6.500 milioni stanziati per il capitale di buffer, cioè, di avere un patrimonio forte per sopportare le perdite di beni. L’emendamento impone agli enti di avere quella riserva di capitale, stimato al 20% delle attività legate alla terra e 15% per le promozioni in corso di realizzazione. Tuttavia, il decreto non ha bisogno di materassi a costituire la nuova capitale. La legge spagnola richiede grandi istituzioni di avere l’8% del capitale, ma l’UE sono tenuti ad essere al di sopra del 9% (con criteri più rigorosi di conteggio) ed anche coprire le perdite non realizzate sul portafoglio del debito. Il risultato è che le banche già comodamente superare l’8% richiesto in Spagna e la differenza può essere riclassificato come un cuscino o una riserva di capitale per far fronte con un patrimonio immobiliare con un punto puramente contabile non è in realtà o rafforzare la solvibilità di ripulire entità, né in misura maggiore quei beni. Le sette organizzazioni che hanno realizzato l’impatto della riforma ha detto che materasso coprire con l’avanzo che già hanno. Da vedere se altri soggetti che non sono interessati dalla domanda europea del 9% e solo a piedi per le risorse proprie può fare lo stesso.

Bankia è l’unica grande che non ha ancora rivelato l’impatto

L’altro elemento che può essere riclassificata trovano applicazione le disposizioni generali, come indicato ieri molte delle entità. Le disposizioni generali sono quelli che sono riservati per coprire i rischi di perdite che non sono individuati. Ora, in eccesso disposizioni generali che possono essere assegnati a coprire il rischio di perdite su crediti e immobili. Questo, del patrimonio immobiliare sarebbe più coperto, ma il resto rischierebbe di meno. Anche se nel complesso il saldo non è più sano, che il trasferimento può essere accounting utile per l’immagine del settore, è il rischio immobiliare che mette a fuoco le preoccupazioni degli investitori internazionali. Entità ieri ha rivelato l’impatto sui loro conti del nuovo standard sono alcune disposizioni generici per oltre 3.000 milioni di euro. Tra questi non sono, tuttavia, le entità formate dalla fusione di scatole, parte del quale fornisce generico reso più forte al momento della fusione.

Fonte: http://economia.elpais.com

Mosca: una meraviglia tutta da scoprire!

mausoleo-di-lenin-mosca-t4977

Se avete voglia di un bel viaggio per quest’estate vi consiglio una meta unica al mondo: Mosca. Al momento trovate davvero tante ottime offerte sul sito volo24.it, in questo momento trovate tutte le offerte del periodo a prezzi davvero interessanti a partire da 286 euro. Ma adesso vediamo cosa occorre necessariamente visitare quando si giunge nella capitale dello stato Russo. Capitale e maggiore centro dell’economia e culturale della Russia, Mosca(in russo: Moskwa) è una delle città più affascinanti d’Europa, capace di attirare ogni anno quantità enormi di turisti da tutto il mondo. Il centro, che conta poco meno di 14.500.000 abitanti, spunta sulle rive del fiume Moscova, nella parte sud-occidentale della Russia. In seguito alla non comune crescita urbana dell’ultimo secolo i confini della città hanno finito per assorbire composti borghi come Babuskin, Tusino, Kuncevo, Ljublino e Perovo, a questo punto a tutti gli effetti parti indispensabili di Mosca.

Asilo politico

Negli stati membri dell’UE-27 hanno ottenuto la protezione di asilo politico, 75800 nel 2009 rispetto agli 75 100 nel 2008. I più grandi gruppi di beneficiari dello status di protezione nell’UE-27 erano cittadini della Somalia (13 400 persone il 17% del numero totale di persone ammesse a godere dello status di protezione), Iraq (13 100 o 17%) eAfghanistan (7 100 o) il 9%.Questi dati sui risultati delle decisioni in materia di asilo nell’UE-27 sono pubblicate daEurostat, l’ufficio statistico della Dell’Unione europea in occasione del 2 ° giorno mondiale del rifugiato il 20 giugno 2010. Più di un quarto di UE27 decisioni in materia di asilo in primo grado comportato lo status di protezione Nel 2009, 317 500 decisioni in materia di asilo sono state effettuate in applications3-27, di cui 228 600 sono stati prima istanza decisioni e 88 900 decisioni finali in appello.

capt.yugoslavia_kosovo_6m6

Le decisioni prese in occasione della prima instance4 portato a 61 700 persone la concessione di status di protezione, mentre un ulteriore 17 100 status di protezione ricevuta il appeal5. Il tasso di riconoscimento dei richiedenti asilo, vale a dire la quota di decisioni positive del numero totale delle decisioni, è stata del 27% per decisioni di primo grado e 19% per le decisioni finali in appello. Delle 78 800 persone che hanno ottenuto lo status di protezione, 39 300 persone hanno ottenuto lo status di rifugiato, 29 900 protezione sussidiaria e 9 600 permesso di soggiorno per motivi umanitari.Va notato che, mentre sia rifugiato e dello status di protezione sussidiaria sono definite dal diritto comunitario, status umanitario viene concesso sulla base di legislazione nazionale relativa alla protezione internazionale.vPiù di tre quarti delle borse di statGermany protezione, Francia, Svezia, Italia e Paesi Bassi

La moneta africana

Quattro anni fa, l’Unione Africana decise di stabilire una moneta unica per tutti i paesi del continente, il gold mandela.  Fissarono anche una data per l’inizio del progetto economico: il 2010. L’idea -nata già nel 2003- era di creare strutture di regionalismo economico alla Schuman o De Gasperi mirando a garantire il commercio tra le nazioni africane e a spazzare d’un solo colpo il protezionismo. Frenando cosi – diceva l’Unione Africana- l’arretramento endemico del continente. Oggi, purtroppo, quel sogno sembra lontano dal realizzarsi.

Assemblea Unione Africana. Img. www.ghanaweb.com
Assemblea Unione Africana. Img. www.ghanaweb.com
Livello di fiducia nel progetto. Fonte: IMF
Livello di fiducia nel progetto. Fonte: IMF

Gli economisti vedono nel progetto una formula per evitare i problemi inflazionistici di alcuni paesi africani e per garantire la stabilità politica tramite una maggiore coerenza tra politiche monetarie. Il Gold Mandela –dicono- porterebbe lo sviluppo nel continente tramite l’espansione delle capacità commerciali degli stati più arretrati.

I disfattisti però la pensano diversamente guardando il continente dall’alto –osservano- le differenze tra stati sono troppo grandi per garantire la continuità di una moneta unica. Principalmente il problema è l’amministrazione di alcuni paesi –quasi inesistente- e l’innefficenza del sistema fiscale.

Tuttavia l’Africa potrebbe raggiungere questo ambizioso progetto nel medio termine e se gli enormi investimenti di paesi come la Cina in zone africane continueranno di questo andazzo il nuovo Gold Mandela – o come alla fine decideranno di chiamarlo- potrebbe dire la sua contro i grandi del pianeta.

La Russia

La banca centrale della Russia ha lasciato i tassi di interesse invariati oggi, chiudendo un ciclo di allentamento di 14 mesi in quanto la velocità di recupero economico che raccoglie mentre l’inflazione rallenta. Ha mantenuto il tasso di rifinanziamento a un minimo storico 7,75 per cento, ha detto oggi sul suo sito web, come previsto da tutti i 15 economisti in un sondaggio dalla agenzia Bloomberg. Ha anche lasciato il tasso dei prestiti di sette giorni invariato al 6,75 per cento. Il regolatore tagliato i tassi di ultima il 31 maggio. Vedi il cambio con il rublo.
bank-of-russia

“Le principali tendenze dell’attività economica, monetaria e le sfere di credito rimangono gli stessi,” ha detto la banca in un comunicato. “L’attività industriale, occupazione e domanda interna” sono in ripresa. “Il recupero ha continuato graduale dei crediti bancari, iniziato nel mese di marzo, e la diminuzione dei tassi di interesse sui prestiti al settore reale sono fattori positivi”.


I Tassi della Federal Reserve

Il Federal Reserve System (conosciuto anche come la Federal Reserve, e informalmente come la Fed) è il sistema di banche centrali degli Stati Uniti. Venne creata nel 1913 con l’emanazione del Federal Reserve Act, e fu in gran parte una risposta a una serie di scene di panico finanziario, in particolare la grave crisi del 1907. Nel corso degli anni, i ruoli e le responsabilità del Federal Reserve System si sono ampliati e la sua struttura si è evoluta. Eventi come la Grande Depressione sono stati principali fattori che determinano cambiamenti del sistema. I suoi compiti oggi, secondo la documentazione ufficiale della Federal Reserve, sono condurre la politica monetaria della nazione, controllare e regolamentare le istituzioni bancarie, mantenere la stabilità del sistema finanziario e di fornire servizi finanziari a enti di deposito, il governo degli Stati Uniti, e le istituzioni estere ufficiali.

federal-reserve

Federal Reserve USA

Il Federal Reserve System (conosciuto anche come la Federal Reserve, e informalmente come la Fed) è il sistema di banche centrali degli Stati Uniti. Venne creata nel 1913 con l’emanazione del Federal Reserve Act, e fu in gran parte una risposta a una serie di scene di panico finanziario, in particolare la grave crisi del 1907. Nel corso degli anni, i ruoli e le responsabilità del Federal Reserve System si sono ampliati e la sua struttura si è evoluta. Eventi come la Grande Depressione sono stati principali fattori che determinano cambiamenti del sistema. I suoi compiti oggi, secondo la documentazione ufficiale della Federal Reserve, sono condurre la politica monetaria della nazione, controllare e regolamentare le istituzioni bancarie, mantenere la stabilità del sistema finanziario e di fornire servizi finanziari a enti di deposito, il governo degli Stati Uniti, e le istituzioni estere ufficiali.

federal-reserve

Geithner contro Bush

Il segretario al Tesoro UsaTim Geithner, ha detto oggi che le istituzioni finanziarie devono rispettare la norma nuova sul capitale da partecipazione comune in maniera significativa. “Ci assicureremo che le imprese rispondano a queste nuove norme più rigorose, e alle azioni ordinarie che dovranno assorbire le perdite”, ha detto Bush durante un discorso all’Università di New York, sugli accordi internazionali cui presenta il lavoro il G-20 sui nuovi standard più elevati per il settore finanziario. “In contrasto con gli standard attuali, che consentono una varietà di forme di capitale, le nuove norme si applicano nel senso di equità comune, intesa come quella che può effettivamente assorbire le perdite quando una società ha dei problemi”, ha spiegato Geithner .

Tim Geithner

Stess Test

Secondo il comunicato di lunedì scorso il Comitato europeo per la vigilanza bancaria (CEBS), ha in agenda ufficiale i risultati delle prove di stress del settore bancario che verranno pubblicate globalmente e riguarderanno tutte le singole entità. La pubblicazione inizia oggi dalle sei del pomeriggio, ora italiana. In questo momento, il CEBS ha pubblicato una sintesi dei risultati aggregati, con un comunicato stampa che indica le principali conclusioni circa la salute del settore bancario dell’Unione europea. Inoltre, il regolatore ha detto che i risultati delle singole banche saranno inviati per le stesse istituzioni finanziarie o le autorità di vigilanza nazionali nei loro rispettivi siti web.In questo contesto, la Banca di Italia ha confermato la prova di resistenza del settore bancario italiano oggi alle ore 18:30. Allo stesso tempo, CEBS ha promesso di pubblicare, circa allo stesso tempo, una sintesi dei risultati delle 91 singole banche  divise per paese come una pagina web con link alle rispettive autorità nazionali. Infine, il comitato terrà una conferenza stampa oggi alle ore 19:00.

swiss_bank_stress_test_468985

Prove di stress alle banche svizzere dell'anno scorso

METODO DI VALUTAZIONE

Poco si sa del metodo di valutazione che utilizzerà l’Unione europea a condurre test di stress delle sue rive. Si parla di una condizione possibile per un Tier 1 capital ratio pari al 6%, stesso tasso applicato alle organizzazioni degli Stati Uniti, e, come previsto, gli europei che non dovrà aumentare il proprio capitale. Come già accennato, i dettagli specifici non lascerà fino alle sei. Per ora, sappiamo solo che il Comitato europeo per la vigilanza bancaria ha detto all’inizio di questo mese, che analizza sia le entità normali e possibili scenari di eventi avversi nel corso del 2010 e il 2011. “Questi scenari includono i dati variabili macroeconomiche fondamentali come lo sviluppo del PIL, la disoccupazione e l’IPC per i singoli Stati membri dell’UE,” il CEBS. L’analisi comprende anche le avverse condizioni dei mercati finanziari e dei fattori legati a un deterioramento nel mercato europeo delle obbligazioni sovrane. Lo scenario negativo esamina la situazione delle istituzioni finanziarie nel caso in cui il PIL per l’Unione europea, cadere al di sotto del 3% le previsioni della Commissione europea per i prossimi due anni. Per quanto riguarda la situazione del debito sovrano e ai suoi rischi, il Comitato esamina la situazione dopo un possibile deterioramento nei bilanci alle stesse condizioni di mercato ai primi di maggio 2010.

Il debito giapponese

Il debito giapponese è salito a livelli così alti che i fondi pensione giapponesi, tra qualche anno, non potranno più acquistare il debito domestico. Oggi, solo il 4 per cento dei bond giapponesi vengono acquistati da investitori stranieri. Il resto è in mano alle famiglie o ai fondi pensione governativi. L’età media della popolazione però è molto elevata: il 22 per cento della popolazione è over-65. 
Il debito di Tokyo ormai è arrivato al 190 per cento del Pil e supererà i 200 punti tra meno di cinque anni. A breve molti cittadini andranno in pensione. E i fondi dovranno finanziare il sistema pensionistico e non avranno più denaro per acquistare debito. E’ un lento declino quello giapponese. La riforma fiscale – una promessa dell’ex premier Yukio Hatoyama – non è ancora stata attuata. Toccherà a Naoto Kan intraprendere l’impresa.

Pensioni Giapponesi

Pensioni Giapponesi

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti: