Dow Jones. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Dow Jones’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Dow Jones. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Dow Jones

Il Dow Jones Industrial Average, anche denominato Industrial Average, l’indice Dow Jones, il Dow Jones 30, o semplicemente il Dow, è uno dei vari indici del mercato azionario creato dall’editore del Wall Street Journal e co-fondatore di Dow Jones & Company, Charles Dow. Venne aggiunto a Dow anche Jones visto che uno dei suoi soci in affari era lo statistico Edward Jones. Si tratta di un indice che mostra come 30 grandi imprese pubbliche con sede negli Stati Uniti si sono scambiate durante una sessione di negoziazione standard nel mercato azionario. È il secondo più antico indice di mercato degli Stati Uniti dopo il Dow Jones Transportation Average, creato sempre da Dow. La parte industriale del nome è in gran parte storica, come molti dei moderni 30 componenti hanno poco o nulla a che fare con i tradizionali dell’industria pesante. La media dei prezzi è ponderata, e per compensare gli effetti dei frazionamenti azionari e altri aggiustamenti, è attualmente una media scala. Il valore del Dow non è la media attuale dei prezzi delle sue scorte di componenti, ma piuttosto la somma dei prezzi dei componenti diviso per un divisore, che cambia ogni volta che uno stock di componente ha un frazionamento azionario o dividendo di scorta, in modo da generare un valore coerente per l’indice.vInsieme con il Nasdaq Composite, l’indice S & P 500, e il Russell 2000 Index, il Dow è tra gli indici in più stretta sorveglianza ed usato come indice di riferimento con una l’attività di monitoraggio mirata nel mercato azionario. Anche se Dow è l’indice per misurare la performance del settore industriale all’interno dell’economia americana, la performance dell’indice è fortemente influenzata da rapporti non solo di aziendale ed economia, ma anche dagli eventi politici nazionali e stranieri come la guerra o il terrorismo, così come dalle calamità naturali che potrebbero potenzialmente portare ad un danno economico.

Analisi tecnica Dow Jones

L’analisi del Dow Jones per gli esperti di Financial Group appare così: “dopo la cifra tonda di Venerdì scorso, e dopo che basandosi sulla cima (supporto dell’area) del canale ribassista degli ultimi mesi, abbiamo visto nella seduta di ieri un indice americano che è salito fortemente, superando ulteriormente l’importante area di resistenza di 10 600 punti (massimo in giugno). Per questo motivo, e pur non escludendo un utile con tempestiva pressione per portasi a livelli vicini a 10 560 punti (50% del rialzo di ieri a vela), tutto fa che, a poco a poco, si pensi ad un continuare a compensare l’obiettivo di posizioni vicine al massimo annuo (11.260). Ma prima però una tappa nella zona di resistenza principale di 10 920 punti “.

Settori da tener in conto del Dow:

  • I maggiori benefici si sono verificati in prodotti farmaceutici (+1,6%) e sanità (+1,3%)
  • Le maggiori perdite sono state registrate nella Mortgage Finance (-4,9%) e costruzioni (-3,6%)

dj4

Geithner contro Bush

Il segretario al Tesoro UsaTim Geithner, ha detto oggi che le istituzioni finanziarie devono rispettare la norma nuova sul capitale da partecipazione comune in maniera significativa. “Ci assicureremo che le imprese rispondano a queste nuove norme più rigorose, e alle azioni ordinarie che dovranno assorbire le perdite”, ha detto Bush durante un discorso all’Università di New York, sugli accordi internazionali cui presenta il lavoro il G-20 sui nuovi standard più elevati per il settore finanziario. “In contrasto con gli standard attuali, che consentono una varietà di forme di capitale, le nuove norme si applicano nel senso di equità comune, intesa come quella che può effettivamente assorbire le perdite quando una società ha dei problemi”, ha spiegato Geithner .

Tim Geithner

Wall Street e il Dow Jones

Wall Street chiude mista equilibrio piatto (Dow Jones 0,04% S & P 500: -0,02% NASDAQ: 0,35%) una giornata caratterizzata da volatilità. Il mercato si è spostato indeciso tra il rosso e il verde per gran parte della sessione, la scelta di non finito per ignorare le buone prestazioni commerciali (Alcoa o Intel) o di dati macro peggiori del previsto (vendite al dettaglio) .

Cortoon from http://hometownboy.files.wordpress.com/2009/02/financial-crisis.jpg

Cortoon from http://hometownboy.files.wordpress.com/2009/02/financial-crisis.jpg

Le minime di sessione sono state osservate dopo il verbale della Fed investitori non ho ricevuto una buona notizia che la massima autorità monetaria ritiene necessarie nuove misure di stimolo, anche se “il ritmo del recupero economia è più lento di quello originariamente previsto, e che abbassare le proprie stime di crescita che di inflazione per il 2011 e il 2012, e la stima di più di disoccupazione faccia il prossimo anno.

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti: