ftse mib 2010. Tutti i nostri post che parlano di: ‘ftse mib 2010’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica ftse mib 2010. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Ftse Mib, stime utili società quotate a Piazza Affari

Pubblichiamo il Consensus delle stime degli utili per le società quotate nel Ftse Mib.

file2956

CONSENSUS utili società FTSE Mib * stime al 30 aprile

Stime:                                    Stime al 31/12/10    Stime al 31/12/11

.                                                        EPS    DIV         EPS    DIV

A2A                                               0,11   0,10        0,12   0,10     PRX

Ansaldo STS                                0,95   0,33        1,05   0,36    PRX

Atlantia                                         1,39   0,78        1,45   0,84    PRX

Autogrill                                        0,47   0,15        0,57   0,25   PRX

Azimut Holding                          0,77   0,19        0,90   0,22   PRX

Banca Mps                                   0,07   0,02        0,12   0,04   PRX

Banca Pop Milano                      0,29   0,14        0,53   0,20   PRX

Banco Popolare                           0,43   0,08        0,66   0,18   REP

Bulgari                                           0,17   0,08        0,27   0,11   PRX

Buzzi Unicem                               0,62   0,20        0,95   0,25   PRX

Campari                                          0,54   0,12        0,59   0,12   PRX

Cir                                                    0,11   0,03        0,20   0,04   PRX

Enel                                                0,45   0,27        0,45   0,27   PRX

Eni                                                   1,83   1,00        2,16   1,03   PRX

Exor                                                 0,17   0,29        1,10   0,30   PRX

Fiat                                                  0,19   0,18        0,74   0,24   PRX

Finmeccanica                                1,18   0,43        1,29   0,45   PRX

Fondiaria-Sai                               0,96   0,56        1,55   0,70   PRX

Generali                                         1,48   0,55        1,66   0,61   PRX

Geox                                               0,26   0,17        0,31   0,19   PRX

Impregilo                                     0,15   0,04        0,25   0,06   PRX

Intesa Sanpaolo                         0,22   0,10        0,31   0,14   PRX

Italcementi                                  0,57   0,20        0,79   0,28   PRX

Lottomatica                                 0,80   0,67        0,79   0,67   REP

Luxottica                                     0,94   0,40        1,10   0,45   PRX

Mediaset                                     0,33   0,28        0,39   0,33   PRX

Mediobanca  (*)                       0,59   0,29        0,79   0,41   PRX

Mediolanum                              0,32   0,17        0,37   0,18   PRX

Parmalat                                    0,11   0,05        0,11   0,04   PRX

Pirelli & C.                                 0,03   0,01        0,04   0,02   PRX

Prysmian                                     1,15   0,37        1,36   0,40   PRX

Saipem                                         1,63   0,54        1,81   0,59   PRX

Snam Rete Gas                          0,28   0,21        0,29   0,22   PRX

Stm                                               0,55   0,18        0,79   0,22   PRX

Telecom Italia                           0,11   0,05        0,12   0,06   PRX

Tenaris                                              —     —          —     —     —

Terna                                          0,18   0,19        0,19   0,20   PRX

UBI Banca                                0,57   0,33        0,96   0,44   PRX

UniCredit                                  0,11   0,05        0,24   0,10   REP

Unipol                                     0,06   0,03        0,08   0,04   PRX

NOTA – Utili per azione e dividendo per azione sono espressi in euro. Il consensus sugli EPS è calcolato sulla base del dato che raccoglie il numero più alto di previsioni fra EBG (utile prima di ammortamenti e voci straordinarie) PRX (utile prima di voci straordinarie) REP(as reported)

(*) = Per Mediobanca i valori si riferiscono agli esercizi che chiudono al 30 giugno. Il consensus è basato su previsioni raccolte entro il 30 aprile 2010.

Ftse Mib all share

Il Ftse Mib all share comprende al suo interno circa il 95% del mercato azionario nazionale, e rappresenta un indice molto completo, l’ideale per chi vuole avere il “polso” della situazione. Lo Ftse Mib all share comprende al suo interno Ftse Mib , Mid Cap , Small Cap e Ftse Italia Micro Cap. Tutte le principali società per liquidità sono racchiuse in questa preziosa lista. È lo strumento ideale per i periodi di ripresa come quello che stiamo tiepidamente attraversando (o forse si potrebbe definire meglio come pre-ripresa o ancora come pseudo-ripresa).

In periodi come quello attuale sapere le linee di tendenza e riuscire a prevedere l’andamento del mercato azionario può fare la differenza, poiché ancora le borse sono in via di stabilizzazione, e un completo accesso a tutti i dati può permetterci di prevedere crisi finanziarie incipienti o recrudescenze dei mesi passati. Di fatto il nuovo indice, che prende il posto del vecchio Mibtel, Mib30, S&P Mib ecc ecc.

Piazza degli Affari, Milano

Piazza degli Affari, Milano

Si ispira al meccanismo del londinese Financial Times Stock Exchange (per l’appunto Ftse, che nella sua variante All Share londinese comprende circa 600 delle 2000 società dello Stock Exchange e circa il 98% del mercato azionario britannico). Nella variante italiana invece si è voluto puntare soprattutto all’introduzione di norme per aumentare il livello di sicurezza e controllo delle imprese quotate, soprattutto per quanto riguarda la liquidità. E’ infatti fondamentale tutelare anche il più piccolo investitore per non scatenare improvvise e disastrose crisi di panico come quelle generatesi qualche mese fa dal crollo dei famigerati “castelli di carta” finanziari.

Ftse Mib 2010. La fusione con la London Stock Exchange

Il Ftse Mib nel 2010 è il più significativo e rilevante mercato azionario italiano, e il suo paniere raccoglie le principali 40 società italiane o comunque quotate sui mercati del nostro paese da Borsa Italiana. Si tratta di una società nata da una fusione tra la Borsa Italia (Standard & Poor’s Mib) e il London Stock Exchange (LSE) ed attivo a partire dal giugno 2009. Vediamo come sta andando questo primo scorcio d’anno all’interno del mercato azionario. Il Ftse Mib nel 2010 si presenta sicuramente come un altro tipo di mercato rispetto a quello che era nel 2009.

L'interno di Piazza Affari. Foto: adnkronos

L'interno di Piazza Affari. Foto: adnkronos

La crisi di certo non è terminata, e continua a emanare infausti influssi nelle economie continentali e globali, ma almeno, si può dire con una certa cognizione di causa, la caduta libera è terminata. Certamente, si può affermare che i mercati restano ancora in una situazione di instabilità, e qualunque annuncio o qualunque bancarotta o analisi di rating internazionale può indurre ancora le borse globali a perdite catastrofiche. Ma almeno non siamo ai livelli di continue ed ininterrotte perdite come qualche mese fa.

Il Ftse Mib 2010 è per ora da vedere con un cauto ma ragionevole ottimismo, per un semplice dato di fatto. L’economia pubblica italiana di certo fino a pochi anni fa (e per certo versi tutt’ora) può non essere stata in condizioni eccellenti, ma l’economia privata italiana è stata sempre forte ed in salute. In altri termini, le società italiane non si sono eccessivamente indebitate con i famigerati “titoli avvelenati” o “asset tossici”, e comunque avevano ai loro fianchi delle “riserve di grasso” che hanno permesso loro di superare tutto sommato decentemente un periodo funesto dell’economia nazionale e globale.

Indice Ftse Mib

L’indice Ftse Mib raccoglie l’80% circa del mercato azionario italiano ed è nato in seguito alla fusione del giugno 2009 con il primo mercato azionario europeo: il celebre London Stock Exchange. E’ stata una fusione avvenuta in un periodo tragico dell’economia mondiale, ma che ha saputo dare molto peso alla borsa italiana. Per ora, in mani italiane vi è il 29% del patrimonio azionario, ma su 12 membri del consiglio d’amministrazione, 5 sono nominati da Borsa Italiana. Si tratta di un colosso borsistico da 4,5 miliardi di euro di capitalizzazione e che ha il 48% della capitalizzazione delle prime 100 società europee.

Ftsemib 2009 (da febbraio a novembre)

Ftsemib 2009 (da febbraio a novembre)

Si tratta insomma di un matrimonio d’interesse, ma dalle prospettive assolutamente interessanti. Non si è trattato di una fusione con l’unico scopo di sopravvivere al terribile momento economico, ma di una operazione lungimirante e che ha accontentato entrambe le parti. L’indice Ftse Mib ora raccoglie quasi 3800 società, e i primi risultati si sono iniziati ad intravedere in questo anno scarso passato dalla fusione ad oggi: una maggiore stabilità, una maggiore efficienza e sicurezza nel gioco di borsa.

Poi, con l’inizio del 2010, si sono iniziati anche a vedere i primi “più” al termine delle corte giornate di borsa, e questo porta gli azionisti (soprattutto i piccoli e i medi azionisti) a tornare ad investire e a giocare con maggiore ottimismo a Piazza Affari. Per svariate sedute, soprattutto all’inizio di gennaio, la borsa milanese indice Ftse Mib si è classificata come la migliore del Vecchio Continente: erano anni che non accadeva.

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia