Mercato del Lavoro. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Mercato del Lavoro’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Mercato del Lavoro. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Curriculum Vitae

Lo scopo del curriculum vitae (vedi anche il Curriculum USA , il formato per il curriculum italiano ed il Curriculum Europass) è di informare i potenziali datori di lavoro delle qualifiche del candidato in cerca di lavoro e dell’esperienza che ha l’aspirante per occupare una determinata posizione.

Nel Regno Unito troviamo un modello di curriculum breve (di solito un massimo di 2 lati del formato A4), e quindi contiene solo una sintesi della storia di lavoro del cercatore di lavoro, le qualifiche e alcune informazioni personali. Questo modello è quello preferito dalle aziende grazie alla facilità per identificare il candidato idoneo e agevolare la procedura di selezione. Il CV viene aggiornato sovente per cambiare l’enfasi delle informazioni in base alla particolare posizione per la quale il candidato si candida. Molti curriculum contengono le parole chiave che potenziali datori di lavoro potrebbero riprendere e visualizza il contenuto di queste parole chiave nel modo più lusinghiero dando una spazzolatura alle informazioni negative come potrebbero essere. Un CV può anche essere esteso per includere una pagina in più per elencare le pubblicazioni del cercatore di lavoro nel caso queste siano importanti per un lavoro (come sarebbe il caso dei giornalisti o i ricercatori unoversitari).

curriculum

Vantaggi del cv con foto
La foto rende il vostro cv più personale.
La foto personalizza il vostro percorso professionale sul cv
Se siete convocati a un colloquio di lavoro, la foto permette al reclutatore di ricordarsi di voi al momento della selezione.
Se decidete di allegare una foto al vostro cv, ecco alcuni consigli utili:
Scegliete una foto attuale (formato passaporto)
La foto deve essere professionale. Non va bene una foto di famiglia, foto con occhiali da sole o dove si intravedono delle palme o foto delle vacanze
Se inviate la vostra candidatura via e-mail, la foto deve essere di buona qualità e le dimensioni del file non devono essere troppo grandi (al massimo 100 kb).

Curriculum vitae USA ed Europeo

Negli Stati Uniti e in Canada, il CV è utilizzato in particolare nei circoli accademici e nelle carriere mediche ed è molto più completo che in UK. Il curriculum rèsumè invece è usato per la maggior parte delle campagne di reclutamento ed è molto più breve e sintetico. Nel primo caso si prevede di includere una lista completa di storia professionale, compresi tutti i termini di servizio, credenziali accademiche, pubblicazioni, contributi o risultati significativo in tutte le aree di competenza. In alcune professioni, si può includere anche esempi del lavoro della persona e può estendersi per molte pagine. Vedi un esempio di curriculum vitae in Italiano.

In Italia non ci sono regole stabilite quando bisogna redigere un  curriculum, ma si tende a prediligere testi brevi (max 2 pagine) e predisposti seguendo un ordine cronologico. Solitamente non contengono fotografie. In un buon curriculum dovrebbe comprendere, in ordine cronologico, gli attinenti dati personali (incluso il numero di telefono) e i dati sulla formazione, l’esperienza lavorativa e ambiti di competenza.

Continua a leggere Curriculum vitae USA ed Europeo…

Curriculum vitae, come renderlo presentabile?

Di solito ci si chiede cosa bisogna fare per scrivere un curriculum che sia corretto e che possa attrarre l’attenzione delle aziende a cui ci si rivolge. Quando si è in cerca di un lavoro, per circa l’80% delle volte l’opportunità di trovare un buon lavoro si ottiene dopo aver sostenuto un colloquio di lavoro.

Bisogna anche dire che il curriculum vitae rappresenta lo strumento principe mediante il quale ci si fa conoscere, in cui è si dà una prima idea di ciò che siete, delle vostre esperienze formative e professionali, delle capacità e competenze ma anche dei caratteri principali della vostra personalità. Insomma, si tratta pur sempre di un bigliettino da visita mediante il quale ci si presenta , appunto per questo è fondamentale non compiere errori e riuscire a renderlo meritevole di attenzione da parte di chi ne prenderà visione.

Continua a leggere Curriculum vitae, come renderlo presentabile?…

Modello curriculum vitae

20090610curriculum_vitae

Il modello di Curriculum Vitae rappresenta uno dei principali strumenti che sono nella disponibilità dei candidati che lo mettono nelle condizioni di entrare in contatto con il datore di lavoro e con le aziende che sono alla ricerca di nuove risorse umane da inserire all’interno del proprio organigramma.

Se si ha l’opportunità di prendere un modello di curriculum vitae, si può subito notare che quest’ultimo è composto da tante sezioni che il candidato stesso è tenuto a riempire con cura, affinché possano essere inserite delle notizie sul proprio conto che fanno riferimento alla propria sfera personale e professionale che siano complete, chiare e trasparenti. In questo modo, chi avrà la possibilità di guardare un modello del vostro Cv, apprenderà tutte le informazioni in tutta facilità. Di solito, i modelli di Cv che al momento sono molto adoperati dai concorrenti sono il curriculum vitae formato europeo ed il modello Europass che è stato diffuso da qualche anno a questa parte. Questo modello mette nelle condizioni il candidato di includere in maniera digitale altresì una foto personale. Di solito, quattro sono le sezioni che caratterizzano un qualsiasi modello di curriculum vitae. Nella prima sezione il candidato deve inserire tutti suoi dati anagrafici come il proprio Nome e cognome, data e luogo di nascita, sesso,cittadinanza e stato civile, numero di telefono fisso o di cellulare, indirizzo email che indica il vostro nome e cognome.

europass

In seguito avrete modo di trovare la sezione dedicata alla formazione: qui, seguendo un ordine che va dall’esperienza formativa più attuale a quella più distante nel tempo, dovrete introdurre tutte le tappe del vostro percorso formativo che avete percorso (tutti i principali titoli di istruzione di cui siete in possesso, della scuola dell’obbligo, diploma, laurea, master, corsi di formazione regionale, cordi di informatica, di lingue straniere, altro). Successivamente, troverete la sezione che è riservata a tutte le esperienze lavorative che avete fatto nel tempo. Inserite la conoscenza delle lingue ed il rispettivo livello, se sapete usare il pc ed altri strumenti informatici, se conoscete i programmi di scrittura e se sapete navigare sulla rete, ed il livello di queste competenze. Non scordate di inserire le informazioni relative al datore di lavoro, la tipologia di lavoro svolto, il vostro inquadramento professionale, il periodo di lavoro. Infine, vi sono i riquadri riservati alla vostre abilità, conoscenze e propensioni comportamentali, ma anche gli hobby e gli interessi.

Alla fine del modello, indicate giorno e luogo di redazione e firmate in calce il curriculum dando l’autorizzazione a trattare i vostri dati personali ai sensi della legge 196 del 2003 sul diritto alla privacy.

Infine, per dare una buona impressione di se stessi è cosa utile allegare al vostro curriculum vitae anche una copia di una lettera di presentazione con cui vi descrivete e date in modo molto sintetico tutte le informazioni sul vostro conto che possono essere approfondite mediante la lettura del curriculum stesso.

In questo modo avrete molte più possibilità di ottenere un colloquio di lavoro, senza questi particolari requisiti, spesso il curriculum viene destinato al cestino e con esso anche le vostre speranze di trovare un lavoro che faccia per voi.

Compilare un curriculum

Il modello Curriculum Vitae è il momento di fondamentale importanza e si può anche considerare il primo passo che consente un contatto tra il candidato ed il potenziale datore di lavoro.
initiate-impressive-resume-discovery-process-800X800

Se si ha la possibilità di aprire un modello di curriculum vitae, ci si può accorgere subito che esso è costituito da diverse sezione che devono essere compilate al fine di dare delle informazioni al destinatario che siano esaurienti, ma anche sintetiche. Così, chi prendere in mano il vostro modello di Cv, avrà la possibilità di prendere visione delle vostre informazioni in tutta comodità. I modelli di Cv che al momento sono molto usati dai candidati sono il curriculum vitae formato europeo ed il modello Europass che è stato introdotto qualche anno fa ed in cui il candidato ha la possibilità di allegare in modo digitale anche una foto di se, una volta che il file in doc viene convertito nel formato in PDF. Questo modello, tre le altre cose,risulta molto indicato per chi ha l’esigenza di organizzare in modo ottimale i propri dati.

Ad ogni modo, bisogna anche dire che, a prescindere del modello di curriculum che sceglierete, esso presenta sempre lo stesso schema all’interno del quale si inseriscono le vostre informazioni.

Pertanto, nella prima sezione troverete sempre il riquadro dedicato ai dati anagrafici che il candidato dovrà inserire con cura. Qui bisogna inserire: Nome e cognome, Data e luogo di nascita, sesso,Cittadinanza e stato civile, Indirizzo (domicilio), Recapito telefonico: numero di telefono fisso (ufficio o casa) o in alternativa anche il vostro numero di telefonino. Indirizzo email che sia personale e che contenga il vostro nome e cognome. Evitare i nomignoli o gli pseudonimi comici, non sarebbe professionale!

20090610curriculum_vitae

Se l’annuncio lo richiede inserite sempre una foto. Poi trovate le sezione dedicata alla formazione: qui, seguendo un ordine che va dall’esperienza formativa più recente a quella più lontana nel tempo, dovrete inserire tutte le tappe del vostro percorso formativo che avete percorso (tutti i principali titoli di istruzione di cui siete in possesso, della scuola dell’obbligo, diploma, laurea, master, corsi di formazione regionale, cordi di informatica, di lingue straniere, altro). In seguito, avrete modo di trovare la sezione che è dedicata a tutte le esperienze di lavoro o professionali che avete maturato negli anni.

Qui, il candidato dovrà indicare tutte le esperienze di lavoro maturate, partendo dalla più recente. Non dimenticate di inserire le info riguardante il datore di lavoro, il tipo di lavoro, la mansione svolta, il periodo di lavoro. Infine, vi sono i riquadri dedicati alla vostre abilità, conoscenze e attitudini comportamentali.

Indicate la conoscenza delle lingue ed il rispettivo livello, se conoscente gli strumenti informatici, i programmi, se sapete navigare su internet, ed il livello di tali competenze. Indicate anche il possesso del tipo di patente e le principali attitudini comportamentali, gli hobby e gli interessi.

Alla del modello, indicate giorno e luogo di compilazione e sottoscrivete in calce il curriculum dando l’autorizzazione a trattare i vostri dati personali ai sensi della legge 196 del 2003 sul diritto alla privacy.

Formato curriculum vitae

initiate-impressive-resume-discovery-process-800X800

Il modello di Curriculum Vitae in formato europeo, è il formato di curriculum più usato dai cittadini della comunità europea e che sono alla ricerca di un lavoro in tutto il territorio dell’Unione. Questo modello può essere scaricato dal sito www.curriculumeuropeo.net. Sul sito vengono offerti due modelli di curriculum formato europeo. Inoltre è possibile trovare dei formati in altre lingue europee (inglese,francese, tedesco, spagnolo). Ma adesso andiamo a vedere in che maniera va redatto un Curriculum Vitae Formato Europeo.

Di solito, quattro sono le sezioni che contrassegnano un qualunque modello di curriculum vitae. La prima, di solito, è destinata ai dati personali del candidato. Appunto per questo, in questa sezione vanno introdotti i dati anagrafici, i recapiti telefonici, l’indirizzo e-mail.

In seguito, vi è la sezione dedicata alle esperienze professionali. Qui, seguendo un ordine cronologico decrescente (dall’esperienza maturata di recente, sino a quella più lontana nel tempo), saranno introdotte tutte le attività di lavoro che sono state svolte dal candidato, individuando le mansioni, le aziende e certe informazioni dell’attività svolta e per il lasso di tempo in cui essa è durata ed la ragione per cui il rapporto di lavoro è stato concluso.

In seguito, vi è la sezione dedicata alla formazione e all’istruzione e, anche in questa parte del cv bisogna seguire l’ordine cronologico decrescente, specificate tutti i periodi fondamentali del vostro percorso di formazione, inserendo i titoli di studio che sono stati ottenuti, gli istituti e i periodi. Per concludere, introducete le vostre capacità e competenze personali, il grado di conoscenza delle lingue, degli strumenti informatici più in utilizzo e delle componenti comportamentali che contrassegnano la vostra personalità, ma pure il possesso del tipo di patente di guida. Non dimenticate di sottoscrivere il Cv e di specificare il luogo e la data al momento della consegna, e di autorizzare chi lo leggerà a trattare i vostri dati personali ai sensi della D.Lgs 196/2003 sulla privacy. A volte, quest’ autorizzazione è domandata dalle società che ricevono i curriculum, ma non è sempre indispensabile, anche perché per i dati personali (come quelli anagrafici o che riguardano gli studi che sono stati compiuti ed esperienze lavorative), non è indispensabile prestare il consenso al trattamento.

scuola-classe_090113_300x200_ansa_09012n8s

Infatti, nel momento in cui il candidato consegna il curriculum vitae il consenso viene manifestato in modo implicito se l’azienda che riceve il curriculum vitae al massimo può trattare le informazioni del candidato a fini pre-contrattuali oppure per dare esecuzione agli obblighi contrattuali. Se invece si parla di dati sensibili, come ad esempio l’appartenenza ad una specifica ideologia politica, ad un credo religioso e ad altre informazioni che fanno riferimento ai valori etnici, religiosi e culturali del candidato, allora in tale circostanza l’autorizzazione al trattamento dei dati sensibili è obbligatoria che deve avvenire in maniera informata e consapevole da parte del candidato.

Ciò vuol dire che il candidato dovrebbe essere consapevole delle finalità e delle modalità del trattamento, i soggetti o le tipologie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati e il contesto in cui vengono diffusi, i diritti di cui è titolare, e l’identità del titolare del trattamento, a cui potrà rivolgersi per richiedere la modificazione o l’ eliminazione dei propri dati.

Curriculum Formato europeo

curriculum-vitae1 (1)

Alcuni ritengono che un curriculum vitae sia soltanto un biglietto da visita e che le vostre sorti professionali si decidano nell’ambito del colloquio. In realtà ciò è vero, ma secondo noi soltanto al 50%.

Infatti, siamo dell’avviso che proprio perché voi siate messi nella condizione di sostenere un colloquio di lavoro è dato dal fatto che vi sia un documento che in modo chiaro, trasparente, conciso ed esauriente dia vita ad un quadro complessivo delle caratteristiche che fanno parte della vostra figura professionale.

Ecco perché si ritiene sia importante dare, in questo articolo, alcuni utili orientamenti che consentiranno al potenziale candidato di formulare un buon curriculum. Come dicevamo pocanzi, un curriculum che deve apparire agli occhi del lettore interessante, deve essere scritto in modo sintetico, chiaro e in grado di mettere in risalto i principali caratteri tipi del vostro comportamento (quelli positivi chiaramente), le vostre capacità, le vostre conoscenze, le vostre esperienze maturate in campo professionale.

Di solito, si ha la tendenza a scrivere il proprio cv secondo il formato standard europeo, anche perché è un formato oramai riconosciuto ed accettato da tutti i selezionatori di risorse umane, sia operanti all’interno delle aziende, sia quelli che operano all’interno di agenzie di lavoro o di lavoro interinale.

Quando si personalizza un curriculum bisogna anche prendere in considerazione le particolarità dell’azienda e della posizione lavora che all’interno dell’organigramma aziendale si intende ricoprire.

Certo che un buon curriculum vitae oggi deve almeno contenere delle indicazione sul conto del candidato che conosca una lingua oltre l’italiano che, di solito è l’inglese. Oltre a questo elemento vi è anche la conoscenza degli strumenti informatici di base sia di scrittura, di invio e ricezione mail che di navigazione ad internet. Ma adesso andiamo a vedere in che modo va compilato un Curriculum Vitae Formato Europeo.

eurocv_logo

Di solito, quattro sono le aree tematiche che caratterizzano un qualsiasi modello di curriculum vitae. La prima, di solito, è dedicata alle informazioni personali del candidato. Pertanto, in questa sezione vanno inseriti i dati anagrafici, i recapiti telefonici, l’indirizzo email.

Poi, vi è la sezione dedicata alle esperienze professionali. Qui, seguendo un ordine cronologico decrescente (dall’esperienza maturata di recente, fino a quella più distante nel tempo), saranno incluse tutte le attività di lavoro che sono state svolte dal candidato, indicando le mansioni, le imprese e alcune notizie dell’attività svolta e per il periodo in cui essa ha avuto luogo ed il motivo per cui il rapporto di lavoro è terminato.

In seguito, troverete l’area della formazione e dell’istruzione. Anche qui, seguendo l’ordine ordine cronologico decrescente, indicate tutte le fasi fondamentali del vostro percorso formativo, indicando i titoli di studio raggiunti, gli istituti e i periodi. Per concludere, inserite le vostre abilità e competenze personali, il livello di conoscenza delle lingue, degli strumenti informatici più in uso e delle componenti comportamentali che caratterizzano la vostra personalità, ma anche il possesso del tipo di patente di guida. Non scordare di firmare il Cv e di indicare il luogo e la data al momento della consegna, e di autorizzare il destinatario alla lettura nel rispetto della legge della privacy (Legge n.196/2003).

Il formato del curriculum

Quando si parla di formato del curriculum vitae, spesso, non sempre si riesce a comprendere di cosa si parla esattamente. Se il curriculum si dovesse redigere nel formato tradizionale, vale a dire con carta e penna, allora non avremmo dubbi in tal senso. Infatti, quando parliamo di formato, sono due i singnificati del termine che intendiamo: uno, fa riferimento all’estensione del fine, l’altro alla dimensione del foglio su cui il candidato dovrà cominciare a stendere il proprio curriculum vitae.initiate-impressive-resume-discovery-process-800X800

Per redigere il curriculum si possono utilizzare diversi programmi, come ad esempio Microsoft office ( il più usato), google doc e tanti altri programmi di scrittura. A prescindere dal programma che decidiate di adoperare, non dimenticate mai di provvedere alla conversione nel formato PDF del documento appena redatto. Inoltre, tenete sempre una copia del documento nel formato utilizzato per redigere il vostro CV, così, in futuro se sarà necessario, avrete modo di apportare delle modifiche in seguito alle esperienze lavorative che nel tempo riuscirete a maturare. Quando convertite in PDF il documento doc, evitate di proteggere il documento. Se non vi sono delle ragioni particolari, potreste lasciare libero per un eventuale copia e incolla il documento, in caso contrario potreste optare per la sua protezione dalla stampa.

Per quanto concerne il formato di stampa, si consiglia sempre di usare il formato A4 in verticale, in quanto il formato orizzontale vie ne di solito usato da persone esperte o professionisti nel campo del web design.20090610curriculum_vitae

Altro importante aspetto che riguarda il formato da adoperare quando bisogna creare un curriculum vitae è la scelta del Font. Come sappiamo ce ne sono di diverse tipologie e spesso la scelta varia da persona a persona. Sicuramente, uno dei font più usati, forse perché uno tra i più belli sul piano estetico e della forma è il Times new roman. Oggettivamente nessuno vi scarterebbe in base all’utilizzazione del Times, di conseguenza se vi piace lo stile classico, potete mantenerlo senza grosse preoccupazioni.

Un altro font che spesso viene utilizzato, è il Courrier new. Anche l’Arial è un carattere raccomandato, in quanto si presenta ben ordinato ed efficace agli occhi del lettore, dando anche un senso di serietà al contenuto del vostro curriculum vitae. Il carattere Georgia può anch’essere una valida alternativa che si può prendere in considerazione, se si desidera rompere con la monotonia del solito Times new roman. Dopo aver scelto il font da usare per redigere il proprio curriculum vitae, il candidato dovrà provvedere alla sua personalizzazione e a dare una determinata visibilità alle sue informazioni scegliendo lo spazio giusto.

Magari se vi siete laureato da poco, potreste inserire il titolo acquisito da poco nella prima pagina. Se invece è passata parecchia acqua sotto i ponti dal giorno in cui vi hanno proclamato dottore, allora in prima pagine è meglio inserire le ultime esperienza lavorative che avete maturato. Man mano che il curriculum assumerà un certa dimensione, i lavori si succederanno, allora a poco a poco potrete tralasciare le notizie meno utili, levandole a seconda del destinatario a cui indirizzare il vostro curriculum.

Modello curriculum

Il modello curriculum è il documento che viene scritto quando una persona è alla ricerca di un lavoro.

Una regola importante da seguire è quella di sintetizzare le fondamentali notizie del candidato.

Non bisogna mai dimenticare che essendo il primo documento letto che sintetizza le vostre principali caratteristiche alle aziende che offrono lavoro, tale documento, senza ombra di dubbi costituisce il primo momento di contatto che si viene a creare tra domanda e offerta di lavoro.

scuola-classe_090113_300x200_ansa_09012n8s

Pertanto, risulta importante cercare di redigere in modo corretto tale documento, siate precisi ed compilatelo con grande cura, avendo sempre presente quelle che sono le esigenze dell’individuo che ne prenderà visione al fine di comprendere se le vostre caratteristiche professionali, comportamentali e abilitative fanno al suo caso o meno. In circolazione vi sono diversi formati di curriculum vitae.

Si consigli di usare sempre un modello che consente in modello semplice, facendo uso del programma word del pacchetto office che trovate in ogni PC, di compilare il documento in tutte le sue parti, in modo esauriente senza dilungarsi troppo. Infatti, è buona cosa riuscire ad essere sintetici e allo stesso tempo in grado di dare un quadro chiaro della vostra personalità, delle vostre abilità e delle vostre conoscenze e competenze professionali che, se il datore di lavoro è interessato, avrà modo di testare in sede di un eventuale colloquio conoscitivo che tenderà ad approfondire tutti gli aspetti che sono stati accennati sul vostro curriculum vitae. Ma come si può compilare un curriculum?curriculum-vitae1

Come prima cosa bisogna scaricarlo da internet. Vi sono diversi siti web in cui è possibile ottenere una copia del modello che state cercando, se volete, lo trovate nel formato europeo, italiano, euro pass, ma anche in altri formati in lingue straniere (francese, spagnolo, inglese, ed altre lingue).

Il modello di solito è reperibile in formato DOC al quale si possono apportare delle modifiche utilizzando Open Office, Microsoft Word o altro software che si può usare per la scrittura. Tale modello lo si può salvare sul proprio PC, modificato, contenenti tutti i dati personali e alla fine riprodotto o convertito nel formato PDF. Di solito, quattro sono le aree tematiche che caratterizzano un qualsiasi modello di curriculum vitae. La prima, di solito, è dedicata alle informazioni personali del candidato. Pertanto, in questa sezione vanno inseriti i dati anagrafici, i recapiti telefonici, l’indirizzo email.

Poi, vi è la sezione dedicata alle esperienze professionali. Qui, seguendo un ordine cronologico decrescente (dall’esperienza maturata di recente, fino a quella più distante nel tempo), verranno inserite tutte le attività di lavoro che sono state svolte dal candidato, indicando le mansioni, le aziende (che prestano il consenso a divulgare il loro nome) e alcune informazioni dell’attività svolta e per il periodo in cui essa ha avuto luogo ed il motivo per cui il rapporto di lavoro è cessato. Poi, vi è l’area della formazione e dell’istruzione. Anche qui seguendo l’ordine ordine cronologico decrescente, indicate tutte le tappe principali del vostro iter formativo, specificando i titoli di studio conseguiti, gli istituti e i periodi. Infine, inserite le vostre abilità e competenze personali, il livello di conoscenza delle lingue, degli strumenti informatici più in uso e delle componenti comportamentali che caratterizzano la vostra personalità, ma anche il possesso del tipo di patente di guida. Non dimenticare di firmare il Cv e inserire il luogo e la data al momento della consegna, autorizzando il destinatario alla lettura nel rispetto della legge della privacy (Legge n.196/2003).

Lo stipendio desiderato da comunicare in lingua inglese

canada-calgary-school-classroom-students3Pure se ricevi l’offerta di lavoro che hai sempre desiderato dall’impresa per cui hai sempre sognato lavorare, ti suggeriamo di non accettare in maniera frettolosa. Infatti, spesso i direttivi si attendono che i potenziali dipendenti vogliano contrattare il prioprio corrispettivo e pertanto anche una breve contrattazione su un piccola cifra può farti arrivare a un corrispettivo maggiore nel lungo termine. Ecco pertanto alcuni suggerimenti per trattare sulla tua paga in inglese. A prescindere dalla tua decisione e dalla compattezza dell’offerta ricevuta, è rilevante ringraziare, sempre e comunque. Ecco certe frasi utili all’occorrenza: “I appreciate your consideration” e “I am honored that you have selected me.”

Molte volte risulta difficile trattare su un’offerta, una volta che tu abbia già fatto vedere estreme interresse per quel lavoro ed un sufficiente apprezzamento per lo stipendio appropriato. Per tale ragione ti suggeriamo di recuperare tutto dall’inizio con un semplice “Hmmm…” invece di “OK”. In questo maniera il responsabile delle assunzioni comprenderà che non sei totalmente contento dell’offerta ricevuta e potrà cos’ rilanciare istantaneamente. Dai sempre una motivazione alle tue ampliate pretese. Potrebbe essere un’altra offerta di lavoro oppure alcuni dati statistici di settore o pure il tuo corrente compenso. Termina sempre spiegando quelle che sono le tue aspettative: “I had something a little higher in mind” or “I was expecting something within the 5 to 7,000 range.”

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia