Notizie. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Notizie’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Notizie. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Una convenzione necessaria

In Italia, gli anni ’80 sono caratterizzati da notevoli cambiamenti nei rapporti tra istituzioni pubbliche e terzo settore i  mutamenti hanno riguardato, in particolar modo, i l maggior grado di coinvolgimento del terzo settore nella definizione delle regole che orientano e disciplinano i rapporti finanziari e politici tra i due ambiti. Risale a questo periodo la diffusione del “contracting-out”, (convenzione tra Stato e associazioni private, per la definizione delle attività di erogazione dei servizi sociali) a livello locale. II terzo settore è costituito da organizzazioni riconosciute dall’ordinamento giuridico italiano, come le organizzazioni di volontariato i cui esponenti sono prevalentemente volontari, e le cooperative sociali costituite da gruppi di lavoratori associati all’organizzazione e che perseguono finalità sociali. Non esiste alcun approccio restitutivo, nel senso che l’accesso ai benefici non è legato al contributo fornito in passato o all’esistenza di un rapporto assicurativo.

Non si tratta quindi di prestazioni cui entità dipendono da forme di contribuzione assicurativa individuale, come è i l caso delle pensioni e degli istituti previdenziali (indennità di disoccupazione, malattia, maternità …). Altro termine di assistenza meno “istituzionale” del primo, fa riferimento alle prestazioni materiali (denaro, beni di consumo) e/o servizi forniti senza che a queste debbano corrispondere dei compensi e senza che siano previste delle specifiche controprestazioni, senza che vi sia reciprocità1. In questo caso il concetto di assistenza da un lato ha lo stesso significato del primo, in quanto anche nei rapporti tra privati si intende come la fornitura di servizi e cessione di beni per il miglioramento del livello di vita del destinatario, ma ciò che muta è il rapporto di assistenza che nel secondo caso, rispetto al primo, si fonda sulla reciprocità dei comportamenti che vincolano gli individui. legge 328/2000 e che si colloca nel contesto delle relazioni tra attori pubblici e privati nel campo dei servizi sociali. Diversi fattori hanno reso necessaria la modificazione dei rapporti tra Stato e organizzazioni del terzo settore. E stato necessario, innanzi tutto, ricercare vie alternative attraverso le quali rispondere alla crescente domanda di servizi pubblici, vista la carenza di risorse finanziarie pubbliche. Anche le politiche monetarie restrittive tendenti a ridurre le risorse finanziarie da destinare alla pubblica assistenza hanno certamente avuto i l loro peso. Va ricordata l’impellenza di rientrare nei parametri di Maastricht che ha condotto ad ulteriori tagli sulla spesa pubblica. Ma l’aspetto innovativo più interessante è legato al ruolo assunto dalle organizzazioni non-profit all’interno del sistema assistenziale. La presenza di queste organizzazioni conferì, al sistema di welfare italiano, una natura mista. Esse acquisirono infatti pari dignità rispetto alle istituzioni pubbliche. Negli anni ’90, le politiche istituzionali si orientano nella direzione di un maggiore riconoscimento della posizione di primo piano occupata dal terzo settore rispetto alla concretizzazione del sistema di welfare italiano. Nello specifico vengono emanati numerosi provvedimenti che conferiscono alle organizzazioni non-profit i riconoscimenti giuridici basilari per poter svolgere attività di servizio. Va ricordato infatti, che fino al 1991. le uniche forme di organizzazione non-profit riconosciute dall’ordinamento giuridico italiano erano quelle dell’associazione e della fondazione. A questi enti non era riconosciuta l’idoneità per la gestione continuativa di servizi di pubblica utilità.

Digilander sussidi didattici per la scuola

All’interno di Digilander, community del portale Libero, è presente un’area dedicata ai  sussidi didattici per la scuola secondaria di primo grado e per le quarte e le quinte.

Si tratta di uno strumento molto utile per approfondire gli studi delle fasce d’eta interessate e funziona come una sorta di “compito a casa” interattivo che unisce delle buone risorse con la multifunzionalità del personal computer.

VerificheMachine e Libri Parlanti

VerificheMachine è un programma molto versatile, che permette di preparare verifiche interattive a riposta chiusa (del tipo vero/ falso, a scelta multipla o miste) in modo semplice e ampiamente personalizzabile. Le verifiche predisposte verranno successivamente svolte dagli alunni con il programma Verifiche, associato a verificheMachine.

Allo stesso tempo, verificheMachine consente di far precedere alla prova una spiegazione o una lettura, semplicemente inserendo nella verifica una lezione preventiva, scegliendo tra diversi formati: filmati Flash, file audio, video, pagine web, file di testo con immagini, presentazioni in Powerpoint. Inoltre ogni domanda può essere accompagnata da un’immagine o un filmato Flash (con o senza didascalia) e da un suggerimento.

Libri Parlanti è un poliedrico pacchetto software per presentazioni multimediali anche interattive, munito di lettore vocale e di librerie interne di contenuti. E’ di libero utilizzo per fini didattici e non necessita di installazione. Verifiche Machine e Libri Parlanti possono dialogare fungendo da libro+verifica.

In Digilander sussidi didattici sono inoltre presenti giochi didattici ed esercitazioni interattive che abbracciano:

Morfologia, analisi grammaticale, analisi logica, giochi linguistici (rebus, anagrammi, metafore, impiccato), giochi geografici, animazioni. Esercitazioni di geografia con la mappa di Google. Storia (Viaggio nell’Antico Egitto, Divinità egizie, La Via della Seta, Le grandi navigazioni oceaniche). Linee del tempo interattive. Matematica-Geometria: Il goniometro: angoli e misurazione degli angoli; frazioni: rappresentazione grafica delle frazioni; algebra: primi passi. Il piano cartesiano: dimostrazioni ed esercitazioni interattive.

Salario Minimo Garantito

Si sente spesso parlare di “salario minimo“, ma esattamente che cosa si intende con questa definizione?. Si tratta di un sussidio erogato a favore di persone in stato di necessità, questione particolarmente attuale in Italia aq causa della crisi economica, e dell’inflazione . In Italia, attualmente, l’unica regione ad adottare una politica di questo tipo è il Lazio.

Per dare una spiegazione più approfondita ci rifacciamo alla recente nota esplicativa emessa dalla Provincia di Roma lo scorso 7 gennaio:

La Regione Lazio ha comunicato alle Province di aver trasferito a Poste Italiane SpA le risorse economiche per il pagamento del contributo del Reddito Minimo Garantito e che i cittadini beneficiari potranno riscuotere tale contributo a partire dal prossimo 15.02.2011.

I cittadini ammessi a questo beneficio presenti nelle graduatorie definitive di settembre 2010 e di gennaio 2011 riceveranno una raccomandata in cui saranno indicate le modalità di erogazione del contributo.

La Provincia di Roma, tra ottobre e dicembre 2010,  ha continuato a scorrere la graduatoria dei cittadini ammissibili al contributo pubblicata a settembre 2010 ed ha convocato 2845 cittadini per la presentazione della documentazione attestante il possesso di quanto autocertificato nelle domande.

Il 7 gennaio 2011 ha pubblicato le graduatorie definitive della prime 1892 posizioni, divise tra ammessi, ammissibili ed esclusi. I cittadini ammessi al beneficio sono risultati 1228. I loro nominativi e la documentazione necessaria per l’erogazione del contributo sono stati trasmessi alla Regione Lazio con nota prot. 10/2011 del 05.01.2011.

I restanti 953 cittadini convocati nello stesso periodo dovranno attendere che venga valutata la documentazione da loro consegnata.

Si ricorda che sino a questo momento la Provincia di Roma ha trasmesso alla Regione Lazio la graduatoria definitiva di 5498 beneficiari (inviando in data 18.10.2010, con nota prot. 158895, i dati aggiornati sui primi 3.675 cittadini beneficiari; in data 14.12.2010, con nota prot. 195166, i dati relativi agli ulteriori 595 nominativi; in data 05.01.2011, con nota prot. 10/2011 la graduatoria definitiva di ulteriori 1.228 cittadini beneficiari).

La Provincia di Roma sta inoltre procedendo a nuove convocazioni scorrendo la lista dei cittadini ammissibili (pubblicata a settembre 2010) fino ad esaurimento dei fondi regionali disponibili. Attualmente sono stati convocati i cittadini che hanno raggiunto il punteggio 15.

Si ricorda, infine, che i criteri per l’assegnazione dei punteggi, in base ai quali sono state formulate le graduatorie, sono indicati nella tabella della DGR 426 del 29 maggio 2009 (allegato A, articolo 2, comma 2 della Legge Regionale n° 4 del 2009 ed all’art. 7 del Regolamento Regionale attuativo).

La borsa in Spagna: è arrivato il contagio post Irlanda?

La redazione di Cambiodollaroeuro.com e Financialred Canale Italia si sposta a Madrid per seguire la Borsa in Spagna. Il meeting di Bolsalia è un incontro nazionale iberico per investitori. L’Ibex apre una tre giorni (26,27 e 28 novembre) atipica per pubblicizare la aziende quotate e ricuperare la fiducia degli investitori dopo un possibile contagio post Irlanda. Per sapere perché la Spagna ha bisogno di recuperare la fiducia dei risparmiatori leggi La crisi dell’Euro.

5_bolsas_caidas_manos

Toyota Corolla

Toyota Corolla e Toyota Matrix verrano ritirati dal mercato in più di 1.13 milioni di unità per un guasto al motore, che i regolatori Usa hanno detto che potrebbe causare problemi e incidenti “a qualsiasi velocità senza preavviso.” Toyota ha detto oggi in un comunicato che verranno ritirati i veicoli per gli anni 2005-2008 di questi modelli negli Stati Uniti e Canada in seguito almeno a tre incidenti riportati legati al difetto. Un duro colpo per Toyota visto che l’azione si aggiunge alla registrazione che ricorda lo scorso anno Toyota City, con sede in Giappone, tra cui più di 8 milioni di veicoli in tutto il mondo vennero ritirati per difetti relativi alla accelerazione non intenzionali.

crash-test-euroncap-toyota-corolla-frontal

Fiat, giù a Piazza Affari (-3,4%) dopo la presentazione del piano e i conti trimestrali

Dopo l’addio alla presidenza Fiat di Luca Cordero di Montezemolo il lingotto presenta i conti trimestrali. Un risultato “ottimo” secondo il mercato visto che le azioni Fiat continuano il rally. La compagnia ha ottenuto infatti un risultato prossimo al pareggio con perdite pari a 21 milioni di euro e ricavi pari a 12,9 miliardi di euro. Un aumento, quello dei ricavi, che a confronto con un anno fa segna un ottimista +14,7%.

Stiamo raggiungendo gli obiettivi del 2010” conferma Fiat che prevede un utile, a fine anno, di 1,2 miliardi contro i 5 miliardi di indebitamento che il lingotto si trascina dietro dopo la crisi. Tuttavia, anche se il nuovo piano industriale potrebbe portare ad uno scorporo del comparto auto preparandolo per l’era dell’automobile post crisis, Segio Marchionne non ha ancora pronunciato la data esatta di questo avvenimento. Intanto le borse che premiavano ieri il piano industriale della Fiat con un +9% nel prezzo delle azioni quotate a Paizza Affari (Ftsemib All Share) lasciano oggi calare di nuovo il titolo dopo il rally.

Montezemolo passa il timone a John Elkann. Foto: larazon.com

Montezemolo passa il timone a John Elkann. Foto: larazon.com

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia