Sapienza. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Sapienza’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Sapienza. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Sapienza

Il metodo della domanda di moneta utilizzato da Sdneider e Enste presenta vari problemi (discussi dagli stessi autori): a) non tutte le transazioni dell’economia sommersa vengono effettuate i n contanti; b) le cause dell’aumento della domanda di moneta possono essere molteplici e non solo le attività economi che sommerse; c) la velocità di circolazione della moneta può essere non identica nell’economia ufficiale e nell’economia sommersa e per ciascun paese andrebbero fatte stime sulla veloci la di circolazione della moneta separatamente per le due economie. Al di là degli aspetti metodologici occorre chiedersi cosa effettivamente si misura con questi metodi. Il principale limite di queste indagini consiste nel fatto che è spesso difficile ottenere direttamente informazioni affidabili e veritiere da parte di chi svolge attività che ha interesse a occultare, che è poi l’aspetto che si vuole rilevare.

Va tuttavia notato come solo apparentemente questo tipo di problema non si ponga per le statistiche ufficiali che si basano in molti casi sulle risposte fornite dai soggetti ai rilevatori dell’ISTAT Un tipo di approccio che, sempre sul piano delle rilevazioni dirette è ritenuto, almeno in parte, i n grado di ovviare alla reticenza a dichiararsi da parte dei lavoratori irregolari consiste nell’adottare il metodo delle persone informate introdotto da Bergonzini all’inizio degli anni Settanta per studiare il lavoro femminile in Emilia Romagna e attualmente riproposto con forza da Meldolesi (Meldolesi 1998). La risposta è che fondi» mentalmente si colgono tre fenomeni che hanno natura e caratteristiche economiche assai diverse: l’economia illegale; l’economia informale; la vera e propria economia sommersa.

Dal punto di vista statistico-economico sono definite attività illegali la produzione di beni e servizi la cui vendita, distribuzione o possesso sono proibiti dalla legge (commercio di stupefacenti ecc.) e le attività produttive legali realizzate da persone non auto rizzate (esercizio di una professione senza i requisiti prescritti ecc.). Entrambi i tipi di produzione sono ricomprendibili all’in terno delle attività produttive. L a distinzione economicamente rilevante è tra attività illegale produttive o redistributive: soltanto le prime hanno un impatto sulla stima del PIL, mentre le seconde non implicano creazione di valore aggiunto. Al riguardo si distingue tra le transazioni per le quali esiste mutuo consenso tra compratore e venditore (vendita di droghe o d i merce rubata, pròstituzione ecc.), che sono incluse tra le attività produttive, e le altre attività dove tale accordo manca (estorsione, i l furto ecc.). Le attività produttive del settore informale sono quelle caratterizzate da un basso livello di organizzazione, da poca o nessuna divisione tra lavoro e capitale e da rapporti d i lavoro per lo più basati su relazioni di parentela o personali e sociali, in contrapposizione ai contratti formali.

Per economia sommersa si intende l’insieme della produzione legale d i cui la pubblica amministrazione non è a conoscenza e duna luogo senza che siano dichiarate, in tutto o in parte, le dimensioni delle attività svolte per poter evadere gli obblighi fiscali e contributivi; per sottrarsi all’osservanza delle norme sul salario minimo, sii l’orario di lavoro, sulla sicurezza sul luogo di lavoro ecc; il sommerso in questa accezione non comprende i l cosiddetto sommerse statistico che include le attività non rilevate a causa delle inefficienze del sistema statistico, della effettiva difficoltà di rilevare taluni tipi di unità produttive (ambulanti, liberi professionisti, consulenti ecc.).

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti: