Uncategorized. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Uncategorized’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Uncategorized. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Il premio di rischio scenderebbe a 250 punti nello scenario ideale, secondo il FMI

Il FMI ha elogiato il nuovo programma di acquisti di obbligazioni da parte della BCE, che corregge alcuni difetti di prima, così “ha una maggiore credibilità.” Tuttavia, egli ammette che è ancora soggetta a rischi politici e di esecuzione. Ciò significa che per essere messo in atto, i paesi dovrebbero cercare di salvare i loro partner, sono d’accordo e rispettare le condizioni. Pertanto, il rischio di parlare del Fondo è piuttosto il rischio che viene ad essere l’acquisto di obbligazioni. “Le banche centrali hanno agito. Ora è il momento per i governi “, ha detto Viñals, riferendosi anche a Stati Uniti e Giappone. Viñals sottolineato che le forze della frammentazione economica e finanziaria sono aumentati e hanno diviso la zona euro tra i paesi centrali e periferici, provocando la fuga di capitali dai quest’ultima pur essendo una unione monetaria, qualcosa che lui chiama “senza precedenti” e “straordinari”. “Questo ha sollevato i costi di finanziamento degli stati, banche, imprese e famiglie e minacciano una spirale perniciosa di declino economico”, ha detto. “Puoi invertire questo processo di frammentazione finanziaria? Fino ad ora, erano stati tutti i suggerimenti velati che la Spagna dovrebbe fare il grande passo. Se ci fosse qualche aiuto, Viñals stesso ha detto dopo aver parlato con la catena SER che una richiesta di riscatto di Spagna sarebbe “benvenuto”. Ma la notizia il Mercoledì a Tokyo è stato il riferimento ai “paesi creditori”. Viñals aveva appena presentato il rapporto, a condizione che il premio di rischio è sparato a 750 punti base e il PIL in calo del 3,2% nel 2013 se la zona euro non implementa soluzioni rapide e credibili. Nel prendere la senza preavviso, scenderebbero a 380 punti, e se i leader europei sono più ambiziosi, scenderebbe a 250, in base alle loro scenari.

La mia convinzione è sì “, ha detto Viñals, prima Vice Governatore della Banca di Spagna. Ciò richiede più sicure le banche con più capitale, afferma con una buona ritmica consolidamento fiscale, il MES firewall attuale e BCE e una maggiore unione. Egli ha sostenuto che l’autorità di vigilanza bancaria e viene introdotto senza indugio e per impostare una tabella di marcia chiara per il sindacato bancario. Se l’Europa non si muove in avanti con più ambizioso rispetto alla crisi del credito attuale nei paesi periferici possono essere del 9% entro la fine del 2013, e addirittura superiore al 18%, nel caso in cui non hai nemmeno adottare senza indugio le misure già annunciato. Viñals, d’altra parte, ha difeso la forza delle banche spagnole con filiali presenti in America Latina. Egli ha sottolineato che sono finanziate principalmente da depositi. “Non vi è alcun rischio diretto di contagio dalla Spagna in America Latina.” Gli amministratori del FMI ha inoltre osservato che le autorità di vigilanza della regione hanno chiesto con il loro modo di gestire i loro sistemi finanziari e hanno garantito che le banche controllate in America Latina non sono utilizzati come fonti di fuga di capitali in Spagna. Sia Santander e BBVA hanno un modello che è auto-finanziati controllate.

Scontri ad Atene tra polizia-manifestanti, per la visita della Merkel

La breve visita in Grecia dal cancelliere tedesco Angela Merkel ha scatenato proteste di massa nella capitale, ma il suo incontro con il primo ministro greco Antonis Samaras ha alleggerito le tensioni tra i loro paesi. Merkel ha insistito sul fatto che “c’è ancora molto da fare” e la necessità di attendere la relazione ai creditori sullo stato di avanzamento delle riforme greche, ma ha espresso il desiderio che “la Grecia rimane nella zona euro.” Certificato Cancelliere che “non vi è venuto un gran parte della strada” per la ripresa economica e ha annunciato l’inizio di “un progetto per migliorare il sistema sanitario e uno per la modernizzazione delle pubbliche amministrazioni”, finanziato dalla Germania con un totale di 30.000.000 €. Una benda enorme per sanguinamento bilancio greco. Accettando che Atene è stata la scena del suo incontro con Samaras insistendo sul fatto che entrambi i paesi ci sono “partner, amici” e “alleati nella NATO,” Merkel invia un segnale per i Greci, ma soprattutto gli elettori tedeschi preelection riscaldamento pieno 2013.

Il governo tedesco vuole restare in Grecia l’euro, il che significa mettere più soldi e si adattano più critiche dai titoli dei giornali di destra e di più negativo per gli aiuti multimilionari ai partner europei. Com’era prevedibile, il viaggio innescato una valanga di proteste e insulti riscaldati in Grecia, che ha contribuito a trasmettere un messaggio doppio Merkel al pubblico tedesco: in primo luogo, la sua volontà di rischiare di tenere i suoi diciassette membri della zona euro. In secondo luogo, lei non è un tecnocrate freddo e divorziato dalla realtà e ha accusato i democratici di opposizione sociale, ma vuole toccare con mano i problemi greci sociali. In questo senso, il primo ministro greco Samaras avventurato che la visita si aprirà una “nuova pagina” nelle relazioni tra i due paesi. Merkel è stato ricevuto con tutti gli onori speciali a Atene. Samaras andato all’aeroporto per incontrare il suo, un gesto di ospitalità che vale solo per le visite a Berlino di particolare rilevanza come un papa. Merkel aveva visitato Atene da quando divenne cancelliere nel 2005, ma non dall’inizio della crisi due anni e mezzo fa. Ha detto che il ministro conservatore, ha vinto le elezioni del giugno scorso che la Grecia “non chiedere più soldi o concessioni speciali.” La cosa importante, ha detto, è che il suo Paese di recuperare “dopo tutti questi sacrifici.” Mentre infuriava proteste di piazza contro la visita, Samaras ha detto che “il nemico è la recessione” e il Cancelliere tedesco che ha riferito di aver ricevuto “come un amico del paese”. Tuttavia, Samaras non poteva chiaramente rispondere alla domanda se aveva “ottenuto una garanzia che la Grecia resterà nell’euro”. Ho posto la questione di un manager populista giornale Bild , promotore di una campagna estenuante contro tabloid la Grecia che si estende dall’inizio della crisi del debito greco. Mentre Merkel e Samaras ha parlato ad Atene, il commissario europeo per gli affari economici Olli Rehn ha sottolineato il Martedì che la Grecia potrebbe presto ricevere più di 31.000 milioni di euro di soccorso eccezionale. Sarà “nel mese di novembre al più tardi.” Non conosciamo ancora il contenuto esatto del rapporto dei creditori e la troika creditore (Banca centrale europea (BCE) e del Fondo monetario internazionale) non era riuscito finora a Grecia sarebbe chiarire se questa nuova sezione aiuto, e avrebbe dovuto essere pagato in estate.

Fiscale Hollande impegnato aumenta per ridurre il deficit

La prima bozza del bilancio era François Hollande si basa su nuove imposte 20.000 milioni (10.000 famiglie più ricche e 10.000 imprese). Inoltre, il governo farà risparmiare 10.000 milioni nel governo e 2.500 milioni di euro in materia di sicurezza sociale. Queste sono alcune delle misure che devono essere adottate dal Parlamento. Secondo Bercy, sede di tutti i ministeri economici, l’idea è quella di annullare “tagli fiscali votato negli ultimi anni che indebolito la progressività dell’imposta sul reddito (IR) e alleggerita l’imposta di solidarietà sulla ricchezza (ISF) a mentre le imposte è aumentato di più. ” Lo sforzo globale per fornire 10.000 milioni di Stato. Il più ricco contributo 6.200 milioni di euro, per pareggiare la tassazione dei redditi da capitale al lavoro.»Nuovo tratto del 45% per i redditi sopra 150.000 euro. Influenza circa 50.000 contribuenti e coinvolgere 320 milioni di euro all’anno. “No alle case più modeste. Per evitare il congelamento delle tariffe penalizza le famiglie meno abbienti, la base imponibile è sollevata 439-480 euro a beneficio 7.400.000 cittadini. “Abbassare il tetto del quoziente familiare. 2336 è stato ridotto a 2.000 euro per l’assistenza familiare. Influenza il 2,5% delle famiglie fiscali, e rappresenta 490 milioni l’anno. “Dividendi e interessi, che vendevano al 21% e 24%, farà una scala progressiva in base all’imposta sul reddito, che consentirà di accrescere 2.000 milioni di più. “Gli utili chattel soggetti all’imposta sul reddito. Invece di essere tassati al 19%, si applica scale progressive.

Ricavi: 1.000 milioni di euro. “Meno esenzioni fiscali. Il massimo franchigia sopra 18.000 € tassa del 4% per famiglia è ridotta a 10.000 euro. “Contributo del 75% per i redditi più alti. Chiamato contribuzione di solidarietà eccezionale, tassati al 75% ciascuna parte di attività di rete più di un milione di euro. Il regime si applica solo due anni, i ricavi nel 2012 e 2013, e interesserà circa 1.500 persone, subiranno un aumento medio delle imposte 140.000 €. Hanno modificato la riduzione decisa da Sarkozy nel 2011. L’imposta minima è ancora 1.310.000 €, e le sezioni variano dallo 0,50% allo 1,50%. Il massimale è fissato al 75% dei ricavi. Fornire 1000000000. Subira 2 € più l’inflazione. “Ora la tassa è di 123 euro l’anno. Lo Stato spenderà il 3,5% in meno per il settore audiovisivo. Promessa elettorale Hollande, gli aumenti di bilancio della giustizia del 4,3% per raggiungere 7.700 milioni di euro 12.298 posti di lavoro sono stati eliminati in non-prioritari ministeri per creare 11.000 nuovi posti di lavoro in materia di istruzione, giustizia e polizia. La massa salariale sarà 80.600 milioni di euro, e le spese dei ministeri globalmente ridotto del 5%. Funzionari della difesa perde 7.234 e 2.353 dell’Economia e delle Finanze. Funzionari statali totali è pari a 5,3 milioni di persone. Cultura budget è ridotto del 4,3%. I fondi saranno di 2.430 milioni nel 2013, rispetto all’anno 2540. Pensioni contributive saranno tassati al 0,15% per aiutare il recupero della sicurezza sociale. Il peso degli interessi sul debito sarà il primo capitolo di spesa nel 2013, ad un costo di 46.900 milioni di euro. Nel 2012, lo Stato deve pagare i suoi creditori 46 700 milioni di euro, 700 milioni meno del previsto nel mese di luglio. Questo è quello di bilanciare lo sforzo a favore delle PMI e delle medie imprese, decisivo per l’occupazione e la crescita. Aumentare le tasse è maggiore di 10.000 milioni di euro. “Limitare la deduzione degli interessi passivi. Lo schema è stato uno dei più favorevoli nell’Unione europea. Ora limitate deducibili oneri finanziari netti 85% per il 2012 e il 2013, e il 75% a partire dal 2014. Applicare solo da tre milioni di euro di oneri finanziari per evitare danni alle PMI. “Hai colpito il Copé esenzione. Data l’esenzione totale da plusvalenze di capitale a lungo termine per le aziende che vendono i loro azioni, la quota dei costi e delle spese è calcolato sull’importo lordo dell’avviamento. La misura rappresenta 2.000 milioni nel 2013. »

US affronta un incendio islamista

Obama promette “giustizia” e ha inviato due navi da guerra e un gruppo di marines in Libia dopo essere stato ucciso durante l’assalto suo ambasciatore al Consolato a Bengasi. Barack Obama ha promesso di fare giustizia il Mercoledì e inviato navi da guerra e un gruppo di marines in Libia dopo la morte di ambasciatore Christopher Stevens e altri tre diplomatici americani l’assalto al consolato americano a Bengasi, un evento che infuria pericolo di un radicale derivato dalla primavera araba e, necessariamente, scuote, anche sensibilmente, la campagna in questo paese. “Non commettere errori, sarà fatta giustizia”, ha detto il presidente degli Stati Uniti in una breve apparizione dopo aver confermato la morte dei quattro diplomatici per mano di un gruppo estremista islamico che presumibilmente hanno espresso la loro rabbia per un film completamente sconosciuta negli Stati Uniti Gli Stati in cui, a quanto pare, è denigrato Maometto. In attacco al consolato durante la notte di Martedì, testimoni oculari osservato la presenza tra gli aggressori di uomini armati di mortai e bombe a mano e di agire come un comando, il che suggerisce che le autorità degli Stati Uniti potrebbe essere una operazione prevista. Secondo le versioni iniziali, l’ambasciatore, Christopher Stevens, è stato inseguito dai pirati informatici per la sicurezza del composto diplomatica, dove è morto soffocato dopo il lancio di granate fumogene. “Come è potuto succedere in un paese che ha contribuito liberare, in una città che ha contribuito a salvare dalla distruzione?”

Chiesto il Segretario di Stato Hillary Clinton che riflette tutte le frustrazioni della gestione e della società americana per quanto riguarda un episodio che si scontra con gli sforzi di Obama di raggiungere un accordo con il governo derivante dalla rivolta araba. Funzionari degli Stati Uniti insistono, tuttavia, che questa tragedia, che aggiunge l’attacco, il più piccolo, si è verificato anche il Martedì e per lo stesso motivo al Cairo non cambierà la sua politica. Obama ha promesso che “non rompere i legami con la Libia”, e afferma che ha il sostegno del governo di quel paese per punire i responsabili di quello che è successo. Clinton ha detto che gli agenti statunitensi a Bengasi ha combattuto con le forze di sicurezza libiche contro gli aggressori, e fu questi che ha preso l’ambasciatore in ospedale. “Come è potuto succedere in un paese che ha contribuito liberare, in una città che ha contribuito a salvare dalla distruzione?” In un momento delicato della sua presidenza , quando deve trovare un equilibrio tra fermezza sostenendo i loro compatrioti e prudenza per evitare di aggiungere benzina sul fuoco che l’estremismo è acceso, Obama ha mostrato rispetto per la fede di ciascuno, ma ha categoricamente respinto l’uso della religione per promuovere la violenza. “Respingiamo ogni tentativo di denigrare le credenze religiose degli altri”, ha detto, “ma non c’è assolutamente alcuna giustificazione per tali atti di violenza, no”. Per eseguire il backup le sue parole con l’azione, il presidente ha ordinato l’invio in Libia di una élite di sicurezza Antiterrorismo Fleet Marine Corps conosciuta come Team. Composto da 50 a 200 persone, questo gruppo è definitivamente trasferito all’estero e si occupa di missioni speciali di emergenza.

La BCE sembra destinata criteri oggettivi per acquistare obbligazioni

La Banca centrale europea (BCE) studi stabiliscono procedure obiettive rendimenti dei titoli di band come criterio per decidere per l’acquisto di titoli di stato, che è il modo di influenzare il mercato per evitare che gli speculatori di prendere vantaggio dalla sua nuova strategia di intervento mercati del debito, come fonti ha detto a Reuters la banca centrale. La creazione di questi intervalli è un’opzione ha sempre più consensi tra i banchieri centrali, anche se la decisione non poteva essere presa in tal senso prima del settembre 6, in coincidenza con la riunione del Consiglio direttivo dell’ente, le fonti ha consultati. “E ‘una delle opzioni attualmente in discussione nei gruppi di lavoro e saranno prese al Consiglio”, ha detto un funzionario di una banca centrale della zona euro in condizioni di anonimato. “E ‘l’approccio più probabile e uno che potrebbe avere più successo.” Tuttavia, non è chiaro quanto si può avere questo corridoio e in che modo la BCE potrebbe decidere quando intervenire nei mercati del debito a costi di finanziamento più bassi. Inoltre, stiamo anche discutendo se questo intervallo dovrebbe essere legato agli interessi della differenziali di debito o di interesse, di un paese che paga rispetto a quelli della Germania, il punto di riferimento della zona euro per l’affidabilità, che è conosciuto come il premio per il rischio. Il presidente della Bce Mario Draghi , ha detto durante l’ultima riunione del Consiglio direttivo della BCE che un’entità riprenderà acquisti di obbligazioni per garantire la sostenibilità del debito sovrano di paesi come la Spagna e l’Italia, ma non ha specificato in che modo la che l’istituzione dovesse andare oltre spiegando che concentrare i propri sforzi sulla curva di durata più breve, vale a dire, titoli a breve termine. Lo scorso fine settimana, il settimanale Der Spiegel ha riferito che la BCE può imporre limiti sugli interessi del debito pubblico, anche se un portavoce della banca centrale ha negato questa informazione, dicendo che non aveva preso alcuna decisione. Mio fratello, rappresentante kidswear, mi ha detto con tristezza che solo la scorsa settimana aveva vissuto tre casi simili.

E ‘senza speranza. Ora, prima gli uffici di collocamento, sono lunghe file di disoccupati ogni mese pazientemente attendono l’ordine di pagamento alla banca di trasferire a loro la loro indennità. Tuttavia, essi non può mai essere certi che il pagamento arriva all’inizio di questo mese. A volte devono aspettare ancora un po ‘per Cash € 416,50, in quanto il numero dei disoccupati è in crescita e gli uffici di collocamento sono fini soldi. Dopo il crollo dell’apparato statale e, soprattutto, il sistema fiscale, il Ministero delle Finanze ha avuto la brillante idea di tassare attraverso bollette di energia elettrica. Chi non paga le tasse, hanno tagliato la luce. Ho visto le immagini in tv di anziani in coda greca presso la sede della società elettrica al pagamento della prima rata delle loro tasse. Mi sentivo come se piangere. “La prima fase è di 250 euro”, dice un uomo sulla sessantina la fotocamera. “Mi è stata data una pensione di 400 euro, come faccio a vivere per un mese con l’altro 150?”.

L’euro come un problema (2°pate)

Questa situazione non solo riflette il confronto dei diversi interessi nazionali, che impediscono, se non impedire, la definizione di una politica comune sul rafforzamento dell’euro e il sostegno ai paesi con crisi del debito. Inoltre emerge spuri interessi economici contrapposti, in ultima analisi, garantire la redditività di alcuni settori economici, in particolare finanziari, per una strategia comune di crescita economica, in base a tutto il lavoro della BCE (alla maniera della Federal Reserve o della BoE), a sostegno della stabilità della moneta comune, garantendo nel contempo i tassi di interesse ragionevoli per operazioni di debito degli Stati membri. E questa strategia evita operazioni di “salvataggio” che danneggiano l’immagine del paese salvato, rendendo quasi impossibile l’accesso ai mercati del credito privati, mentre stabilire condizioni supplementari (più tagli) nel paese in questione. A questo punto, la domanda che si pone è difficile, se non saremo meglio fuori l’euro, tornato a una propria moneta che avrebbe fatto una politica monetaria nazionale. E ‘complesso da enumerare e valutare le conseguenze di una ipotetica uscita dall’euro. Gli anni della moneta comune e la politica monetaria unica hanno significato per il tasso di crescita dell’economia spagnola di eccezionale. Ma ci sono stati anche costi significativi riassunti in una significativa perdita di competitività. Certo, l’euro non è la causa di questo fallimento, ma forse sì che attualmente ostacola la ristrutturazione corsetto della nostra produzione da un più solido, vale a dire, il rafforzamento di un’economia al di là di servizi turistici. O meglio, quali sono la politica monetaria della BCE e delle politiche fiscali che accompagnano le impostazioni stabilite da Bruxelles. Le differenze nel livello di competitività sono difficili da compensare nel breve termine stimolo fiscale o monetaria, che, tuttavia, sono essenziali in questo momento, per la fame di privato-economico-finanziaria-per la nostra economia crescere.

Di conseguenza, al di fuori dell’euro, a parte la debacle incalcolabile che si verificano nel corso del tempo, i costi di questo derivato, avremmo una migliore possibilità di ripristinare e migliorare il nostro modello di produzione? Possibilità sarebbe svalutare la moneta nazionale per contribuire a migliorare la nostra competitività (per -1/6/2012- Fitch, una valuta possibile sarebbe svalutare del 30% della posizione competitiva dell’economia tedesca, pari al 25%, Paul Krugman calcola come necessaria riduzione dei prezzi e dei salari, in assenza di una propria moneta, a tal fine), aprendo la strada per il cambiamento del modello di produzione che ci serve. E ipoteticamente potrebbe servire per ridurre il nostro enorme debito che il consumo di grip, nonostante gli impegni esistenti per pagare i debiti in euro. E dentro l’euro c’è una soluzione? Il recupero ha una gamma limitata, oltre anche gli effetti negativi descritti. Altre possibilità esistono con l’espansione monetaria, che aumenterebbe le pressioni inflazionistiche per alleviare il debito privato e pubblico e ridurre il valore dell’euro, di incoraggiamento per aumentare le esportazioni. Ma perché non farlo? Una prima ragione è di difendere i più grandi d’Europa creditori. Ricordate, i salvataggi ancora una politica economica conservatrice. Un secondo è una conseguenza delle carenze del modello istituzionale europeo. Un nuovo quadro più adatto ai problemi attuali significa eurobond, mutualizzazione del debito, il debito sovrano acquisto BCE, mentre cediamo esempio la decisione della capacità di un’autorità comune. Le imperfezioni del dell’architettura europea rendono difficile questo percorso richiede un’autorità economica comune con decisione, pensando interessi globali, in breve, un più federale in Europa, più solidarietà, è quello che potrebbe fare le efetos lavoro in euro meno asimmetrica.

L’euro come un problema

Gli anni della moneta comune e la politica monetaria unica hanno significato per la crescita dell’economia spagnola significativa. Ma ci sono stati anche i costi significativi come una significativa perdita di competitività. Nel contesto attuale critica rivivere dibattito Sobe l’euro come moneta comune, un ambiente istituzionale debole, povera e asimmetrica. Dibattito che a rigore avrebbe dovuto avere indietro negli anni novanta del secolo scorso, quando l’euro si avvia e definisce “prestazioni di guida” per i membri del club (il patto di stabilità e crescita). Ma poi, l’euforia che ha accompagnato europeista una fase di forte crescita economica e accettiamo senza ulteriori offuscato i benefici di una moneta unica, la sola riserva criteri monetaristi non dissimile guardato tutta la mappa economica dell’Europa è integrato. E che non è stata presa in merito all’eventuale crisi cosideration impatto asimmetrico intenso in campo monetario. Ora, in un breve lasso di tempo ha trasmutato la visione della moneta comune, dalla soluzione al problema. Si parla di salvare l’euro e la moneta unica in astratto, senza considerare le strutture di produzione in cui opera. Così, l’euro appare come uno strumento per portare l’unità e la coesione di tutte le economie allo stesso modo, sarebbe neutrale rispetto allo sviluppo delle diverse economie. Tuttavia, non è e non può essere l’attuale architettura istituzionale con evidenza di asimmetrie significative tra le economie europee. Di conseguenza, la politica monetaria della BCE influenza il valore dell’euro, con effetti diversi per i diversi territori economici. Una particolare interpretazione dei problemi di deficit, i premi, i debiti … necessario per attuare politiche di austerità, falliti, ora come in passato, in paesi con problemi di questo tipo, che approfondire piuttosto che risolvere, problemi finanziari, e che sono destinati stagnazione economica e un circolo vizioso di calo dei redditi, deficit, il debito crescente, premio per il rischio in aumento, più deficit … e viceversa.

Pertanto, la gestione dell’euro rende Banca centrale europea non è neutrale per lo sviluppo delle economie europee, agisce principalmente a discrezione della più grande area del paese, il paese teutonico. E ‘successo poco prima di questa Grande Depressione, quando la Germania non è cresciuto e la BCE ha abbassato i tassi di interesse che hanno alimentato l’inflazione e la perdita di competitività delle economie surriscaldate come la nostra, mentre il debito privato incentivato. Naturalmente, tale azione ha permesso la Germania dalla crisi particolare. Proprio il contrario di ciò che accade in questi ultimi giorni. Se necessario stimolo monetario e fiscale nelle economie periferiche sono rimasti politiche restrittive. I ricordi tedeschi di alta inflazione nel periodo tra le due guerre, come una scusa per mantenere male politiche anti-inflazionistiche ora piuttosto garantire il valore reale dei loro prestiti a istituti di credito tedeschi e altri. A spese di chi? Sai: l’occupazione e le condizioni di vita di gran parte della popolazione dei paesi periferici. Sotto queste ipotesi, il “salvataggio”, ha annunciato per l’economia spagnola come strumento per risolvere la crisi del debito, è ancora una finzione, mira piuttosto a servire gli interessi di alcuni paesi finanziatori irresponsabili. E l’euro è debole, che aggiunge più carburante alle esigenze di finanziamento delle economie più deboli, gli operatori finanziari agire non solo contro il debito sovrano spagnolo o italiano, disegno di legge passato anche dalla perdita di forza della moneta unica sensibile alla situazione complessiva della zona euro. Soluzione ai problemi economici dei soci del club, l’euro sta per diventare parte del problema. Sfiducia internazionale nell’euro, ma con una forza relativa, fino a tempi recenti, per il bene dell’economia tedesca per rimanere competitivi mantenendo i vantaggi di una moneta forte. E quindi non svaluta abbastanza per sostenere le esportazioni dei paesi periferici.

La depressione sociale

Gli sviluppi del mercato del lavoro non si discosta di una virgola dalla prospettiva terribile segnato da una profonda recessione, una crisi finanziaria che minaccia la sopravvivenza delle imprese e la pressione di solvibilità al di fuori della Spagna che solo di recente, con la sfida di Draghi il Mercoledì e la volontà di Francia e Germania a “fare tutto il necessario”, ha annunciato ieri, comincia a cedere. Il Labour Force Survey (LFS) del tasso di disoccupazione nel secondo trimestre è pari a livelli mai visti finora (5,693,000 persone) e il tasso di disoccupazione sale al 24,6%. La ripartizione statistica della EPA è ancora sconfortante, il tasso di occupazione giovanile cresce senza sosta ed è ora al 53,2% di quelli sotto i 25 anni aumenta la disoccupazione di lunga durata e il numero di famiglie senza un solo occupato più di 1,7 milioni. Il peggio è che la disoccupazione si prevede di continuare ad incrementare quest’anno, l’occupazione subirà un ulteriore crollo in tutta del 2012, forse circa 800.000 persone e il tasso di disoccupazione toccherà il 26% durante il 2013. E ‘difficile individuare le cause immediate di un percorso cattivo. A licenziamenti private causati dalla recessione, che ha iniziato a giocare (riforma attraverso il lavoro) la maggior parte dei contratti a tempo indeterminato hanno recentemente unito ai licenziamenti nel settore pubblico.

Nel corso del secondo trimestre di quest’anno il numero dei dipendenti pubblici è diminuito di 63.000 persone. La regolazione del lavoro privato non è completo e probabilmente intensificare negli ultimi due trimestri. La crisi del lavoro, con una marcata tendenza al ribasso è coerente con le prospettive di una recessione praticamente assicurato aggravata durante almeno i prossimi due trimestri e persistenti per almeno i prossimi cinque anni. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha pubblicato ieri una correzione delle sue previsioni di crescita per la Spagna. In breve, il Fondo prevista per quest’anno una contrazione del PIL del 1,7% e 1,2% per il 2013. Tali calcoli implica che se l’evoluzione del PIL nei primi due trimestri di quest’anno è di circa -0,3% negli ultimi due anni sarà di circa -1%. Più recessione e più disoccupazione, accelerato in entrambi i casi le misure di regolazione. L’analisi del mercato del lavoro e proiezioni a medio termine terribili suggeriscono che vi sia stata una strategia economica per attenuare l’impatto devastante della recessione sull’occupazione. L’argomento del team economico è la priorità assoluta di recuperare la solvibilità esterna, il che significa la scomparsa di ogni azione di investimento di fuori dello Stato. Il problema è che la priorità del debito avrebbe richiesto, in coerenza pura, una politica di risparmio incoraggianti non è stata applicata o nemmeno presa in considerazione. Ma in una situazione di allarme economica, che esisteva alla fine di dicembre 2011, sarebbe stato possibile coordinare gli aumenti fiscali che mettono a rischio il risparmio direttamente ai tagli dei contributi sociali. Questa strategia è stata adottata in seguito, a malincuore e l’imposizione del FMI e Bruxelles, con l’aumento dell’IVA. C’è un alto rischio di aumentare le tensioni sociali a partire dall’autunno. Si tratta di una prevedibile conseguenza della regolazione del lavoro e tagli massicci delle prestazioni sociali. Con una minaccia pesa probabilmente anche sulla stabilità fiscale, dal momento che la rapida crescita della disoccupazione diventa un ostacolo alla correzione. Per il doppio binario un drastico calo dei consumi, che ne limitano le entrate fiscali, e la crescita delle prestazioni.

La Banca centrale europea taglia i tassi di interesse al minimo storico

Le banche centrali dovrebbero essere noioso. Come ho detto con ironia il governatore della Bank of England, Mervyn King, quando era ancora comandante in seconda dell’istituzione, per rendersi conto che le cose andavano bene solo quando la politica monetaria è passata inosservata. Ma questo era nel 2000, il re oggi è il governatore-dealing, tra l’altro, con il grande incendio del caso Barclays – e le decisioni di questi modelli si sono svegliati la moneta, a volte l’ansia, in tutto il mondo. Alla Banca centrale europea (BCE) ha affidato gran parte d’Europa da questa interminabile crisi dell’euro.

E il suo presidente, Mario Draghi, è riuscito Giovedi complicato come fare la storia e deludente allo stesso tempo. L’agenzia ha abbassato i tassi di interesse ufficiali di sotto dell’1% per la prima volta nei suoi 12 anni come responsabile della moneta unica. L’ economia della zona euro non è solo raddrizzata , e l’agenzia ha deciso di ridurre dello 0,25 costo del denaro, al 0,75%. È un livello ancora più alto per gli interessi statunitensi, che spaziano tra lo zero e lo 0,25% in Giappone, da zero a 0,1%, e il Regno Unito (0,5%). Una misura di questo tipo comporta teoricamente cheapening del credito e quindi più facile per l’azienda in difficoltà riprendere fiato. La riduzione della BCE, che è presa all’unanimità tra gli amministratori, oltre alla Bank of England decisione di togliere l’artiglieria pesante contro la crisi con l’acquisto di altri 50.000 milioni di sterline di debiti e il taglio dei tassi secondo Bank of China in un mese.

L’inflazione non sembra oggi un pericolo per l’economia europea

Il più ortodosso politica anti-inflazionistica della notevole passo avanti delle banche centrali ha dato l’ordine, ma non champagne stappato nei mercati: il mercato azionario spagnolo è sceso al 2,99% e gli investitori chiesto rendimenti più elevati sui titoli a 10 anni, fino al 6,7%, un segno di scarsa fiducia nell’economia e di pagamento. Che pinta del punto in cui il denaro diventa più conveniente in Europa sembrava molto timido e non soddisfacevano Draghi che speravano che BCE ha annunciato l’acquisto di obbligazioni o di credito birra gratis più economici nel lungo periodo, come un miliardo di euro già in vigore. Che nel linguaggio delle banche centrali è noto come “misure non convenzionali”. “Non abbiamo discutere di tutte le altre misure non convenzionali”, Draghi ha detto alla conferenza stampa dopo il Consiglio direttivo. Ma con la recessione nell’Eurozona e sotto controllo l’inflazione al 2,4% nel mese di giugno (e giù), la stessa BCE ha osato tipi. La svalutazione atteso dell’euro nei confronti del dollaro a seguito della decisione è una cattiva notizia per le esportazioni. Ieri la moneta europea è sceso a 1,2381 contro il dollaro forte. Il problema è che la maggior parte degli analisti affermano armi insufficienti e pesante. Poiché i tassi di interesse sono più efficaci quando l’economia sfogo per promuoverlo. John M. Keynes lo ha spiegato bene quando si confrontano la politica monetaria con le stringhe: una banca centrale può tirare la corda per alzare il prezzo del denaro per fermare le bolle, ma non può spingere la stringa durante la crisi e il deficit di fiducia.

L’ ONU sta rivedendo la sua missione in Siria

I membri della dell’esercito siriano libera posare con le loro armi nella regione di Idlib, vicino al confine turco. L’esercito di Bashar al-Assad sta continuando il suo bombardamenti contro la ribellione. Diplomazia delle Nazioni Unite ha discusso Martedì notte a New York del futuro della sua missione di osservatore in Siria , sospesa a causa della violenza mortale, che ha continuato lo stesso giorno, in particolare nella provincia di Homs (al centro). Il piano di pace dell’inviato internazionale ed ex segretario generale Kofi Annan che chiede un dialogo cessate il fuoco e politico, è per un po ‘di tempo in fase di stallo. Mentre il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non sa come riattivare, egli deve ora interrogarsi sulle condizioni stesse della sua missione di osservatore in Siria, condizionamento missione il passaggio a fasi successive del piano Annan.

Sabato scorso, il generale Robert Mood, capo della missione delle Nazioni Unite (Misnus), ha deciso di sospenderlo a causa di “escalation di violenza”, che ha ucciso più di 3.300 vite dal suo dispiegamento nel mese di aprile . Martedì sera presso la sede di New York delle Nazioni Unite, Mood generale ha spiegato che la situazione era diventata troppo pericolosa.

Obama e Putin chiedono la fine delle violenze

Il termine di 90 giorni mandato Misnus si estende fino al 20 luglio, ma molti paesi occidentali hanno indicato che può essere interrotta prima della ora se le peggiora la violenza. L’unico barlume di speranza è venuto dalla riunione a margine del G20 in Messico, tra Stati Uniti e presidenti russi, MM. Obama e Putin convocando una “cessazione immediata” delle violenze “per fermare lo spargimento di sangue.” Mosca, tuttavia, continua a bloccare qualsiasi risoluzione Onu che condanna Damasco. Una nave russa , sospettato di trasportare elicotteri d’attacco dirette verso la Siria, è stato arrestato Martedì largo della Scozia. Il suo assicuratore britannico ha cancellato la sua assicurazione perché il suo carico presunto contrasto con gli ordini dell’UE, di divieto di vendita di armi alla Siria. In Homs, continui combattimenti, in particolare nel quartiere di Baba Amr, prese nel marzo dalle forze regolari. Nella stessa provincia, la città di Rastan subì pesanti bombardamenti dell’esercito siriano, il tentativo di riprendere il controllo da febbraio. Osservatorio siriano dei diritti dell’uomo (OSDH) ha segnalato un ‘”esplosione in un gasdotto attraverso la regione.” Nella provincia di Damasco, l’esercito ha continuato a bombardare per il secondo giorno consecutivo la Duma città. Pesanti combattimenti hanno avuto luogo tra esercito e ribelli nel villaggio di Khirbet al-Joz, nella regione di Idlib (Northwest), vicino al confine turco, ha assicurato il OSDH, affermando che “l’esercito ha sparato alla pistola serbatoio.” Nella provincia di Deir ez-Zor (Est), un altro oleodotto è stato colpito. Il saldo del giorno Martedì si trovò di nuovo in decine di morti. Se la tendenza continua, con 100 morti al giorno per l’anno 2615 non ci sarà nessuno che vive in Syria. Ciò che ci si augura è che vi sia un forte intervento incisivo da parte della comunità internazionale.

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia