INPS. Tutti i nostri post che parlano di: ‘INPS’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica INPS. Puoi navigare con un click su ogni titolo

INPS

Inps-i-dati-sulla-Cassa-integrazione

L’INPS, acronimo di Istituto Nazionale Previdenza Sociale, è il più grande ed il più importante Ente pensionistico d’Italia, al quale sono iscritti la grande maggioranza dei lavoratori dipendenti, sia del settore privato, sia di quello pubblico, ma anche tantissimi lavoratori autonomi non iscritti ad altre casse previdenziali.

Questo istituto, oltre ad erogare le pensioni in base all’anzianità ed all’ammontare dei contributi versati, eroga anche tutta una serie di prestazioni assistenziali a favore di tutti coloro che rientrano nella gestione di quello che viene comunemente definito come il welfare, il cosiddetto “stato sociale“.

Da un lato l’Inps eroga le pensioni di anzianità, quelle di vecchiaia, quelle per inabilità al lavoro e quelle retrocesse ai superstiti attraverso il meccanismo della reversibilità, mentre dall’altro paga gli assegni sociali, quelli per le invalidità civili e le pensioni minime.

In caso di malattia, infortunio, licenziamento, situazioni che momentaneamente o definitivamente interrompono l’attività lavorativa, l’indennità viene riconosciuta dall’INPS ai lavoratori al fine di prolungare il reddito se le condizioni lo richiedono.

L’INPS trova la sua ragion d’essere nell’ART. 38 della Costituzione, che riconosce ai lavoratori il diritto di disporre di mezzi adeguati al loro sostentamento, in caso di vecchiaia, invalidità, disoccupazione involontaria (licenziamento).

La Costituzione prevede anche che ogni cittadino sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale e in questo senso c’è proprio una lista di categorie protette (invalidi civili, vedove, orfani, ecc.) cui l’Ente di previdenza può destinare i fondi relativi alla sussistenza.

In conclusione, nel caso di un lavoratore privato, i contributi all’INPS li paga il Datore di lavoro ( compresi gli assegni familiari). Le ultime riforme hanno introdotto la possibilità di “Ricongiunzione” che consiste nel cumulare tutta la contribuzione anche se si proviene da sistemi contributivi diversi (diversi lavori in cui si è versato contributi a fini pensionistici).

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti: