Deficit publico. Tutti i nostri post che parlano di: Deficit publico

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Deficit publico. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Il premio di rischio scenderebbe a 250 punti nello scenario ideale, secondo il FMI

Il FMI ha elogiato il nuovo programma di acquisti di obbligazioni da parte della BCE, che corregge alcuni difetti di prima, così “ha una maggiore credibilità.” Tuttavia, egli ammette che è ancora soggetta a rischi politici e di esecuzione. Ciò significa che per essere messo in atto, i paesi dovrebbero cercare di salvare i loro partner, sono d’accordo e rispettare le condizioni. Pertanto, il rischio di parlare del Fondo è piuttosto il rischio che viene ad essere l’acquisto di obbligazioni. “Le banche centrali hanno agito. Ora è il momento per i governi “, ha detto Viñals, riferendosi anche a Stati Uniti e Giappone. Viñals sottolineato che le forze della frammentazione economica e finanziaria sono aumentati e hanno diviso la zona euro tra i paesi centrali e periferici, provocando la fuga di capitali dai quest’ultima pur essendo una unione monetaria, qualcosa che lui chiama “senza precedenti” e “straordinari”. “Questo ha sollevato i costi di finanziamento degli stati, banche, imprese e famiglie e minacciano una spirale perniciosa di declino economico”, ha detto. “Puoi invertire questo processo di frammentazione finanziaria? Fino ad ora, erano stati tutti i suggerimenti velati che la Spagna dovrebbe fare il grande passo. Se ci fosse qualche aiuto, Viñals stesso ha detto dopo aver parlato con la catena SER che una richiesta di riscatto di Spagna sarebbe “benvenuto”. Ma la notizia il Mercoledì a Tokyo è stato il riferimento ai “paesi creditori”. Viñals aveva appena presentato il rapporto, a condizione che il premio di rischio è sparato a 750 punti base e il PIL in calo del 3,2% nel 2013 se la zona euro non implementa soluzioni rapide e credibili. Nel prendere la senza preavviso, scenderebbero a 380 punti, e se i leader europei sono più ambiziosi, scenderebbe a 250, in base alle loro scenari.

La mia convinzione è sì “, ha detto Viñals, prima Vice Governatore della Banca di Spagna. Ciò richiede più sicure le banche con più capitale, afferma con una buona ritmica consolidamento fiscale, il MES firewall attuale e BCE e una maggiore unione. Egli ha sostenuto che l’autorità di vigilanza bancaria e viene introdotto senza indugio e per impostare una tabella di marcia chiara per il sindacato bancario. Se l’Europa non si muove in avanti con più ambizioso rispetto alla crisi del credito attuale nei paesi periferici possono essere del 9% entro la fine del 2013, e addirittura superiore al 18%, nel caso in cui non hai nemmeno adottare senza indugio le misure già annunciato. Viñals, d’altra parte, ha difeso la forza delle banche spagnole con filiali presenti in America Latina. Egli ha sottolineato che sono finanziate principalmente da depositi. “Non vi è alcun rischio diretto di contagio dalla Spagna in America Latina.” Gli amministratori del FMI ha inoltre osservato che le autorità di vigilanza della regione hanno chiesto con il loro modo di gestire i loro sistemi finanziari e hanno garantito che le banche controllate in America Latina non sono utilizzati come fonti di fuga di capitali in Spagna. Sia Santander e BBVA hanno un modello che è auto-finanziati controllate.

Fiscale Hollande impegnato aumenta per ridurre il deficit

La prima bozza del bilancio era François Hollande si basa su nuove imposte 20.000 milioni (10.000 famiglie più ricche e 10.000 imprese). Inoltre, il governo farà risparmiare 10.000 milioni nel governo e 2.500 milioni di euro in materia di sicurezza sociale. Queste sono alcune delle misure che devono essere adottate dal Parlamento. Secondo Bercy, sede di tutti i ministeri economici, l’idea è quella di annullare “tagli fiscali votato negli ultimi anni che indebolito la progressività dell’imposta sul reddito (IR) e alleggerita l’imposta di solidarietà sulla ricchezza (ISF) a mentre le imposte è aumentato di più. ” Lo sforzo globale per fornire 10.000 milioni di Stato. Il più ricco contributo 6.200 milioni di euro, per pareggiare la tassazione dei redditi da capitale al lavoro.»Nuovo tratto del 45% per i redditi sopra 150.000 euro. Influenza circa 50.000 contribuenti e coinvolgere 320 milioni di euro all’anno. “No alle case più modeste. Per evitare il congelamento delle tariffe penalizza le famiglie meno abbienti, la base imponibile è sollevata 439-480 euro a beneficio 7.400.000 cittadini. “Abbassare il tetto del quoziente familiare. 2336 è stato ridotto a 2.000 euro per l’assistenza familiare. Influenza il 2,5% delle famiglie fiscali, e rappresenta 490 milioni l’anno. “Dividendi e interessi, che vendevano al 21% e 24%, farà una scala progressiva in base all’imposta sul reddito, che consentirà di accrescere 2.000 milioni di più. “Gli utili chattel soggetti all’imposta sul reddito. Invece di essere tassati al 19%, si applica scale progressive.

Ricavi: 1.000 milioni di euro. “Meno esenzioni fiscali. Il massimo franchigia sopra 18.000 € tassa del 4% per famiglia è ridotta a 10.000 euro. “Contributo del 75% per i redditi più alti. Chiamato contribuzione di solidarietà eccezionale, tassati al 75% ciascuna parte di attività di rete più di un milione di euro. Il regime si applica solo due anni, i ricavi nel 2012 e 2013, e interesserà circa 1.500 persone, subiranno un aumento medio delle imposte 140.000 €. Hanno modificato la riduzione decisa da Sarkozy nel 2011. L’imposta minima è ancora 1.310.000 €, e le sezioni variano dallo 0,50% allo 1,50%. Il massimale è fissato al 75% dei ricavi. Fornire 1000000000. Subira 2 € più l’inflazione. “Ora la tassa è di 123 euro l’anno. Lo Stato spenderà il 3,5% in meno per il settore audiovisivo. Promessa elettorale Hollande, gli aumenti di bilancio della giustizia del 4,3% per raggiungere 7.700 milioni di euro 12.298 posti di lavoro sono stati eliminati in non-prioritari ministeri per creare 11.000 nuovi posti di lavoro in materia di istruzione, giustizia e polizia. La massa salariale sarà 80.600 milioni di euro, e le spese dei ministeri globalmente ridotto del 5%. Funzionari della difesa perde 7.234 e 2.353 dell’Economia e delle Finanze. Funzionari statali totali è pari a 5,3 milioni di persone. Cultura budget è ridotto del 4,3%. I fondi saranno di 2.430 milioni nel 2013, rispetto all’anno 2540. Pensioni contributive saranno tassati al 0,15% per aiutare il recupero della sicurezza sociale. Il peso degli interessi sul debito sarà il primo capitolo di spesa nel 2013, ad un costo di 46.900 milioni di euro. Nel 2012, lo Stato deve pagare i suoi creditori 46 700 milioni di euro, 700 milioni meno del previsto nel mese di luglio. Questo è quello di bilanciare lo sforzo a favore delle PMI e delle medie imprese, decisivo per l’occupazione e la crescita. Aumentare le tasse è maggiore di 10.000 milioni di euro. “Limitare la deduzione degli interessi passivi. Lo schema è stato uno dei più favorevoli nell’Unione europea. Ora limitate deducibili oneri finanziari netti 85% per il 2012 e il 2013, e il 75% a partire dal 2014. Applicare solo da tre milioni di euro di oneri finanziari per evitare danni alle PMI. “Hai colpito il Copé esenzione. Data l’esenzione totale da plusvalenze di capitale a lungo termine per le aziende che vendono i loro azioni, la quota dei costi e delle spese è calcolato sull’importo lordo dell’avviamento. La misura rappresenta 2.000 milioni nel 2013. »

Deficit publico

Il problema del deficit pubblico in Italia è un problema su cui intere generazioni di governanti (non troppe, data l’età media delle stesse e il ridottissimo intercambio generazionale) si sono scontrate, spesso senza troppi risultati tangibili. Si definisce il deficit publico come la differenza tra entrate e spese nell’anno corrente. Ad esempio, se nel 2009 sono entrati X miliardi di euro e sono stati spesi per vari interventi 2X miliardi di euro, nel 2009 avremmo un deficit di X miliardi di euro. In che cosa si differenza il deficit dal debito? Il debito è una serie consolidata di deficit. Cioè, se i deficit, al posto che essere corretti anno dopo anno si accumulano, questo diviene nel corso del tempo debito pubblico.

Il debito pubblico è la grande piaga del nostro paese, e fino all’inizio degli anni Novanta era in piena esplosione. Era giunto persino a sfiorare il 120% del prodotto nazionale lordo (PNL). Di questo debito, ogni anno, bisogna rendere “servizio agli interessi”, ed è spesso una voce rilevante in un paese fortemente indebitato come il nostro.

Al giorno d’oggi, per fortuna, le spese statali sono sotto controllo, sia a livello nazionale da parte della Corte dei Conti che a livello Europeo, e possiamo dire che anche in un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando oggi, il deficit dello stato, pur avendo sforato le condizioni poste dalle direttive europee, è nel contesto attuale pienamente accettabile (recessione significa meno entrate e dunque, anche se le spese restano al livello dell’anno precedente o diminuiscono di poco, il deficit sarà comunque elevato). Il nostro debito resta comunque tra i più alti in Europa e nel mondo, pur non essendo paragonabile al livello d’indebitamento nipponico, in cui debito raggiunge un 180% sul PNL annuo.

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia