Politica Internazionale. Tutti i nostri post che parlano di: Politica Internazionale

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Politica Internazionale. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Gli altri 267.000 milioni di mosse della Fed per rilanciare l’economia degli Stati Uniti

Riviste al ribasso le sue previsioni di crescita (sarà 2,15%) e l’aumento della disoccupazione (al 8,2%). Due giorni di riunione della Federal Reserve (Fed) condizionato dalla tensione sui mercati dalla crisi in Europa e debole economia statunitense. La decisione dell’autorità monetaria statunitense di incertezza è quello di continuare con Operation Twist (obbligazioni di pronti contro termine) fino alla fine dell’anno, lo strumento non convenzionale che consente di vendere debito nel breve e medio termine per acquistare lunghe lettere e di tenere basso le prospettive tasso di interesse. Ben Bernanke, presidente della Federal Reserve, ha insistito sul fatto che la banca centrale americana è disposta a prendere “ulteriore stimolo” per sostenere la crescita economica e la creazione di posti di lavoro se necessario.

La Federal Reserve ha inoltre proceduto a rivedere al ribasso le sue previsioni di crescita e l’aumento della disoccupazione . Il tasso di espansione dell’economia statunitense quest’anno sarà di circa 2,15% contro il 2,6% previsto in aprile. Entro il 2013 la crescita sarà rimbalzare al 2,5% e poi al 3,2% nel 2014. La prospettiva della disoccupazione, nel frattempo, c’è di peggio. Ora, parlando di un tasso di disoccupazione del 8,1% quest’anno, invece del 7,9% che si è verificato nel mese di aprile. Per coloro che si avvicinano al 7,75% e inferiore al 7,35% nel 2014. Nel frattempo, l’inflazione si muove sotto il 2%, dando spazio per mantenere la sua strategia monetaria. Intenzione di Bernanke è ancora di mantenere i tassi eccezionalmente basso fino alla fine del 2014. Il riacquisto di obbligazioni proprie annunciato prima nuove proiezioni, consente da un lato, tenere la prospettiva di tassi di interesse più bassi senza compromettere l’inflazione, e, dall’altro, di continuare a sostenere l’economia senza la banca centrale deve giocare il suo bilancio di circa 2900 miliardi dollari (2,2 miliardi di euro). Il meccanismo, che deve mobilitare 400.000 milioni (316.000 milioni), scade alla fine di questo mese. Con l’aumento può mobilitare 267.000 milioni (212.000 milioni) .

Ma un uso prolungato potrebbe essere insufficiente per spezzare la spirale al ribasso in corso. L’istituto guidato da Ben Bernanke sono volute settimane per preparare il terreno. I dati posti di lavoro possono seduto male, per la sua debolezza. La fiducia dei consumatori scende anche con l’avvicinarsi dell’estate e così la produzione industriale. In questo contesto, Goldman Sachs prevede che la Fed avrebbe potuto fare di più già questa settimana per sostenere la crescita economica con una variazione della torsione a guardare il mercato immobiliare. Estensione Benanke attesa del funzionamento di incoraggiamento dare un ulteriore impulso per l’economia. Ma lui insiste sul fatto che la politica monetaria non dovrebbe essere visto come la panacea per risolvere i problemi di oggi è il suo modo di chiedere alla Casa Bianca e il Congresso anche fare la loro parte per adottare politiche per stimolare l’attività economica e la generazione di posti di lavoro. Wall Street è stata gran parte della mattinata in attesa dubbi sulla decisione, ma lo stock è andato nel verde poco dopo aver appreso della decisione della Federal Reserve.

Fonte: el pais

Il gioco pericoloso degli hedge fund sul debito greco (2°parte)

Non si rendono conto della minaccia, gli europei ci esclude dalla zona euro se questo va! ” Si tratta di un dato di fatto, fin dalla costituzione del governo di coalizione, tre mesi fa, c’è un rilassamento visibile. Premier Lucas Papademos , sostenuta dai partiti socialisti, conservatori e destra estrema, difficili da motivare i suoi ministri a realizzare le riforme imposte dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) e l’ Unione Europea (UE). La politica interna si è riaffermato. All’interno PASOK, il partito socialista, la battaglia per la tenuta di George Papandreou è stato lanciato dopo la caduta dell’ex primo ministro. Sei ministri del governo tra cui Evangelos Venizelos , ministro delle Finanze, sono in gara. A destra, la Nuova Democrazia rifiuta di adottare nuove misure di austerità, prima delle elezioni generali. “La maggior parte dei dipartimenti si sono trasformate in uffici elettorali, è contro-produttivo. Il Primo Ministro deve essere definitivamente ristabilire l’ordine tra i suoi 49 ministri che stanno uccidendo “, dice un consigliere del governo.

E ‘stato chiesto la sospensione Venerdì, i negoziati con la Grecia da parte della lobby bancaria IIF globale per cancellare 100 miliardi del debito, che ha alimentato i timori di insormontabili differenze tra le due parti. “Le discussioni sono Naturalmente, ci ha aiutato a raggiungere un certo punto, siamo vicini ad un accordo, ma è necessario riflettere ulteriormente su alcuni punti, “ha detto Lucas Papademos. Secondo il Ministero delle Finanze, negoziati devono riprendere il Mercoledì. Primo ministro greco a malapena sollevare i suoi ministri per realizzare le riforme imposte dal Fondo Monetario Internazionale e l’Unione europea. “I politici greci bisogno di uno psichiatra, è protesta molto urgenti Takis economista Bratsos.

Posticipati elezioni politiche di aprile

Annunciato per il 19 febbraio le elezioni sono state rinviate al mese di aprile per dare il tempo del governo di concludere il PSI (coinvolgimento del settore privato). Questo è quello di convincere le banche e fondi di partecipazione assicurativa ai titoli di stato greci ad accettare una riduzione del 50% del loro debito. Tale accordo dovrebbe alleviare il debito greco di 100 miliardi di euro. Si potrebbe venire entro dieci giorni. Il Ministero delle finanze greco ha anche arruolato i servizi di un’agenzia di pubblicità Euro RSCG di Parigi-incaricato Lazard consiglia ad Atene per rassicurare le scadenze della riduzione del debito greco. La questione è se questo sarà sufficiente per sollevare il paese dello spettro di un default controllato nel mese di marzo. Il successo del ISP deve permettere alla Grecia di avviare i negoziati per il pagamento del nuovo prestito di 130 miliardi di euro nell’ottobre 2011 concesse alla fine per il paese. Questo importo permetterà di ottenere il rimborso di € 14.4 miliardi di buoni del Tesoro con scadenza il 20 marzo. Troika, gli ispettori della UE, la Banca centrale europea (BCE) e il FMI sono tornati ad Atene il prossimo Lunedi. Per superare il ritardo nelle riforme, il governo sta promuovendo un nuovo salario inferiore. Uno spazio ulteriore verso il basso tra sindacati e datori di lavoro. Gli scioperi e le manifestazioni dovrebbero riprendere dal 17 gennaio.

Nove sconfitte (e una porta socchiusa) per la Spagna

Il presidente spagnolo Mariano Rajoy non ha informato i loro omologhi in tutto l’incontro, ma ha dato la corsa alla conferenza stampa per il 2012 con un disavanzo del 5,8% versus 4,4% concordato con l’UE. Questo vertice di austerità in Spagna è venuto con la propria agenda, segnata dal suo particolare tipo di emergenza: un deficit galoppante, una recessione incombente e uno strato di sciopero. Un cocktail complesso che richiede l’esecutivo a chiedere flessibilità nella realizzazione degli obiettivi di disavanzo. Bruxelles ha aperto nella manica: al contrario, la Spagna ha preso un paio di giorni per nove sconfitte sonore da parte dei leader della comunità, la Banca centrale europea e paesi diversi. La sensazione è che Rajoy deve aver convenuto che figura con alcune delle grandi capitali europee. In caso contrario, le curve di venire: lungo la parte superiore, le rivendicazioni della Spagna sono stati parecchi rimproveri. Questo è un breve riassunto di questi attacca, con un retrogusto di supporto inaspettato e importante del cancelliere di ferro, Angela Merkel della Germania. L’Eurogruppo ha aperto il fuoco ieri pomeriggio. Il ministro dell’Economia ha spiegato Luis De Guindos c’è motivo per cui il deficit spagnolo nel 2011, il 8,5% che ha suscitato la diffidenza di numerosi partner spagnoli nella zona euro. In Spagna, alcuni ritengono che la cifra è gonfiata la colpa al governo di Zapatero di eredità e di firmare se il nuovo governo è in grado di mettere finanze pubbliche in linea. In molti paesi il sentimento è l’opposto: fonti diplomatiche hanno spiegato che la credenza in alcuni paesi del Nord è che il deficit può essere anche maggiore. Ricevuto tre richiami Guindos l’Eurogruppo: il Commissario degli Affari economici e monetari, Olli Rehn, ha affermato le cifre definitive del 2012 e di bilancio prima di iniziare a parlare di qualsiasi tipo di flessibilità. Il rappresentante della Banca centrale europea (BCE), Germania Jorg Asmussen, aspramente criticato il fallimento. Un rappresentante della dell’Eurogruppo, secondo numerose fonti, è stata meno dura, ma ha rafforzato l’idea che si deve prima conoscere le cifre fino a cominciare a parlare di rilassamento dei dati sul disavanzo. Non uno dei ministri delle Finanze dell’euro alzò la voce per sostenere la Spagna.

Né alla cena dei capi di Stato e di governo è stato un ampio dibattito sulla pretesa di Spagna. Anche questa mattina Rajoy lo ha allevato: Diverse fonti confermano che non ha informato loro del disavanzo previsto per il 2012, che è stato segnalato dopo una conferenza stampa. Anche se nei giorni scorsi, l’Esecutivo ha ribadito il messaggio della necessità di attenuare gli obiettivi di disavanzo per non causare una grave recessione, la Spagna ha difeso questa posizione in pubblico. Eppure la discussione è qui: il comunicato finale del vertice impone paesi per soddisfare alla lettera, e alla fine ha aggiunto un post scriptum preoccupa: “On ulteriori tagli se necessario”, in concomitanza con una riunione segnata dalla bisogno di dare un messaggio forte circa l’impegno dell’Europa a austerità. Tre primi ministri parlavano indirettamente di tale: lo svedese Frederik Reinfeldt ha chiarito che non ci sarà il rilassamento di qualsiasi tipo (“non può addolcire il target”) fino a quando la Spagna presenta un bilancio coerente con gli obiettivi concordati (il 4,4% che la Spagna ha già dichiarato non raggiungibile).

Gheddafi Berlusconi: “Caro Silvio, ferma i bombardamenti”

Il settimanale Paris Match ha pubblicato nel suo ultimo numero una lettera di Muammar Gheddafi a Silvio Berlusconi, il deposto il leader libico ha chiesto il suo “amico” per fermare il bombardamento della Libia . “Caro Silvio,” inizia la lettera, “vi invio questa lettera da un vostro collega è arrivato in Libia a sostenerci in questo momento molto difficile per il popolo della Grande Jamahiriya “. E Gheddafi ha continuato: “Sono rimasto sorpreso dall’atteggiamento di un amico con il quale un trattato di amicizia sigillato a favore dei nostri due popoli. Sarei aspettato da te a meno che non fosse interessato e avesse cercato la mediazione prima di sostenere questa guerra.

gheddafi_bacia_berlusconi_N

” Il dittatore continuò: “Io non ti biasimo per questo, perché tu non sei responsabile, perché so che non erano favorevoli a questa azione non onorare male che né tu né il popolo italiano. Ma penso che tu sei ancora in grado di tornare indietro e far valere gli interessi del popolo. Fermare i bombardamenti che uccidono i nostri fratelli libici e dei nostri figli. Parlare con i tuoi amici e alleati di cessare questa aggressione contro il mio paese. Spero che Dio Onnipotente vi guidi lungo il percorso della giustizia. ” So che non erano favorevoli a questa azione non onorare male che nè tu nè il popolo italiano. La lettera, dice Paris Match , è stato preso in mano all’inizio di agosto dalla Libia a Roma per un paio di amici che gestiscono Gheddafi agenzia hostess in Italia .

a778c70d3f403664-1319521015

Questa è la società che si occupava di trasportare decine di giovani donne di bell’aspetto ai colloqui controverso islamista diede il leader libico nella capitale italiana per le sue viste spettacolari di Roma, con i due leader celebrato il Trattato di Amicizia e cooperazione bilaterale firmato a Bengasi nel 2008 .Ha sepolto sotto dispute coloniali, e convertito in Roma il principale partner commerciale della Libia. Berlusconi ha chiesto scusa per i crimini passati, e in Italia, la Libia ha accettato di pagare 5.000 milioni di dollari in 20 anni. In cambio, il dittatore libico contribuito a prevenire la partenza di immigrati dalle proprie coste dell’isola di Lampedusa, e ha accettato di fermare nelle sue carceri intercettare senza documenti pattugliamenti congiunti. L’accordo comprendeva anche succosi contratti militari, le infrastrutture, petrolio e gas.In aggiunta al loro buon rapporto personale, Gheddafi e Berlusconi erano soci privati nel settore audiovisivo in Lussemburgo produttore Quinta Communications, che è anche indicato come Tarak Ben Amar amministratore, un uomo d’affari franco-tunisino si stabilì a Parigi che ha contribuito a forgiare l’ Trattato di amicizia e di Berlusconi è un consulente per gli affari del Maghreb.

potenti_e_gheddafi_N

Ben Amar, Berlusconi e il fondo d’investimento libici sono anche partner nella tv satellitare Nessma Tv, che trasmette a una mezza dozzina di paesi del Nord Africa.Dopo l’annuncio della morte del dittatore libico, Berlusconi ha detto in latino, “Sic transit gloria mundi” , un termine che significa “passa Così la gloria del mondo”, prima di annunciare che la guerra in Libia era finita. Berlusconi ha confessato alla stampa estera qualche mese fa quando l’Italia ha dato il suo sostegno alla decisione della NATO di attaccare la Libia, il personale in disaccordo con la decisione e stava per dimettersi.

http://www.elpais.com

Asilo politico

Negli stati membri dell’UE-27 hanno ottenuto la protezione di asilo politico, 75800 nel 2009 rispetto agli 75 100 nel 2008. I più grandi gruppi di beneficiari dello status di protezione nell’UE-27 erano cittadini della Somalia (13 400 persone il 17% del numero totale di persone ammesse a godere dello status di protezione), Iraq (13 100 o 17%) eAfghanistan (7 100 o) il 9%.Questi dati sui risultati delle decisioni in materia di asilo nell’UE-27 sono pubblicate daEurostat, l’ufficio statistico della Dell’Unione europea in occasione del 2 ° giorno mondiale del rifugiato il 20 giugno 2010. Più di un quarto di UE27 decisioni in materia di asilo in primo grado comportato lo status di protezione Nel 2009, 317 500 decisioni in materia di asilo sono state effettuate in applications3-27, di cui 228 600 sono stati prima istanza decisioni e 88 900 decisioni finali in appello.

capt.yugoslavia_kosovo_6m6

Le decisioni prese in occasione della prima instance4 portato a 61 700 persone la concessione di status di protezione, mentre un ulteriore 17 100 status di protezione ricevuta il appeal5. Il tasso di riconoscimento dei richiedenti asilo, vale a dire la quota di decisioni positive del numero totale delle decisioni, è stata del 27% per decisioni di primo grado e 19% per le decisioni finali in appello. Delle 78 800 persone che hanno ottenuto lo status di protezione, 39 300 persone hanno ottenuto lo status di rifugiato, 29 900 protezione sussidiaria e 9 600 permesso di soggiorno per motivi umanitari.Va notato che, mentre sia rifugiato e dello status di protezione sussidiaria sono definite dal diritto comunitario, status umanitario viene concesso sulla base di legislazione nazionale relativa alla protezione internazionale.vPiù di tre quarti delle borse di statGermany protezione, Francia, Svezia, Italia e Paesi Bassi

Il debito giapponese

Il debito giapponese è salito a livelli così alti che i fondi pensione giapponesi, tra qualche anno, non potranno più acquistare il debito domestico. Oggi, solo il 4 per cento dei bond giapponesi vengono acquistati da investitori stranieri. Il resto è in mano alle famiglie o ai fondi pensione governativi. L’età media della popolazione però è molto elevata: il 22 per cento della popolazione è over-65. 
Il debito di Tokyo ormai è arrivato al 190 per cento del Pil e supererà i 200 punti tra meno di cinque anni. A breve molti cittadini andranno in pensione. E i fondi dovranno finanziare il sistema pensionistico e non avranno più denaro per acquistare debito. E’ un lento declino quello giapponese. La riforma fiscale – una promessa dell’ex premier Yukio Hatoyama – non è ancora stata attuata. Toccherà a Naoto Kan intraprendere l’impresa.

Pensioni Giapponesi

Pensioni Giapponesi

Trovi qui tutte le informazioni sulla finanza italiana e internazionale. Iscriviti ai nostri feed RSS per ricevere le ultime notizie.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e iscriviti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia